Watford-Chelsea 1-2 tabellino e pagelle: Conte batte Mazzarri in rimonta

Watford-Chelsea 1-2 tabellino e pagelle: Conte batte Mazzarri in rimonta

Diego Costa, Chelsea - FOTO @Twitter, @ChelseaFC
Diego Costa, Chelsea – FOTO @Twitter, @ChelseaFC

Finisce con una vittoria in rimonta il derby Watford-Chelsea, scontro tra allenatori italiani. A vincere è il Chelsea per 2-1, con Mazzarri che spaventa Conte ma alla fine raccoglie soltanto elogi e deve cedere i 3 punti all’ex tecnico della Juventus.

LA CHIAVE TATTICA

 Il Watford punta tutto sul gioco solido di Mazzarri, che con il suo 3-5-2 prova a disinnescare le fonti di gioco avversarie, in particolar modo con il lavoro di copertura di Behrami e Guedioura. Gli Hornets contano anche sul lavoro di spinta di Ambrabat e Holebas per alimentare la manovra offensiva affidata a Deeney ed Ighalo. Risulta poi prezioso anche il francese Capoue, bravo negli inserimenti. Il Chelsea di Conte risponde con un 4-1-4-1 che produce grande possesso palla e diversi scambi rapidi al limite dell’area tra gli elementi della batteria di mezzepunte a servizio di Diego Costa, il cui lavoro consiste nel tenere su la squadra creando spazi per gli inserimenti dei vari Pedro, Oscar, Matic e Hazard. Lo spagnolo tende ad allargarsi ed a seconda dei movimenti contemporanei di altri compagni, il modulo del Chelsea varia spesso in un 4-3-3. Kante ha il compito di tenere al sicuro la propria retroguardia, nella quale Azpilicueta ed Ivanovic a turno si sganciano in avanti per generare azioni produttive dalle fasce, ma tendenzialmente i Blues preferiscono agire per vie centrali.

Nel primo tempo le azioni da gol latitano, complice la buona organizzazione del Watford che riesce spesso ad imbrigliare gli avversari impedendone il fraseggio continuo. La squadra di Conte produce soltanto un massiccio possesso palla alquanto sterile, e l’occasione migliore infatti è proprio dei gialloneri di Mazzarri, con Ighalo che al 25′ sfiora la traversa con un tiro dalla distanza. Il Chelsea si rende pericoloso in pratica soltanto sui palloni da fermo, e soltanto le sortite sporadiche di Oscar e Hazard tengono in vita il gioco dei loro. Ai punti si lascia preferire il Watford, coriaceo ed organizzato, al punto tale da passare in vantaggio al 55′ con Etienne Capoue, bravissimo nel risolvere al meglio il cross di Guediura per l’1-0 dei suoi. Da lì il match cambia, con il Watford che pensa a contenere per difendere il prezioso vantaggio ed il Chelsea che martella e conquista più di una volta dei calci di punizione a ridosso dell’area di rigore avversaria. Tra i cambi effettuati spicca quello di Victor Moses per Pedro al 71′. Il canterano scuola Barça è apparso molto sotto tono, Conte spera quindi che la velocità dell’ex Crystal Palace possa fare la differenza e rivitalizzare l’abulica fase offensiva. Il vero problema del Chelsea oggi è stato il non aver mai tirato in porta con pericolosità. Conte Al 72′ cambia pure Oscar per Batshuayi, inserendo quindi una punta di ruolo. Il cambio alla fine è decisivo perché l’ex marsigliese all’80’ fa 1-1 insaccando in tap-in dopo una respinta difettosa di Gomes su un tiro da fuori dell’altro subentrato Fabregas, che rileva l’evanescente Matic. E Cesc è decisivo anche poco dopo, quando lancia Diego Costa in porta per il sorpasso a questo punto inatteso del Chelsea. Mazzarri mette dentro Vydra e Zuniga negli ultimissimi istanti, un attaccante ed un esterno, ma il risultato non cambia più.

I PROTAGONISTI

Nel Watford spiccano l’autore del gol, Capoue, che è stato bravo anche in altre occasioni, oltre ad Ighalo, sempre prezioso per la manovra d’attacco degli Hornets. Buona prova anche per l’ex napoletano Britos. Nel Chelsea è solo Oscar a provare qualcosa di buono, per il resto nessuno strappa più di una sufficienza stentata. Poi Conte effettua dei cambi ed inserisce dentro gli uomini che cambiano il match: Batshuayi e Fabregas.

LA GIOCATA

Il gol del Watford simboleggia la condotta di gara delle due squadre, con i padroni di casa che agiscono di rimessa ma lo fanno sempre in maniera ordinata, ed il Chelsea che non ha idee e si affida al gioco di quantità. Guedioura si propone con un lungo cross dalla destra che trova Capoue solo in area in posizione lievemente defilata: il francese carica un potente sinistro sul primo palo all’incrocio dei pali e Courtois nulla può.

IL MOMENTO

 Il pari del Chelsea all’80’ spegne i sogni di gloria del Watford: Fabregas, appena entrato, scarica un non irresistibile rasoterra centralmente dai 18 metri, Gomes si tuffa ma respinge male il pallone e Batshuayi si avventa sulla sfera segnando da due passi il suo primo gol in Premier League. Poco dopo, all’86’, Fabregas verticalizza con un bel lancio verso Diego Costa, liberandolo in campo aperto. L’ex Atletico Madrid con il piatto destro batte poi Gomes mostrando grande freddezza e concretizzando il 2-1 della sua squadra in rimonta.

WATFORD-CHELSEA 1-2 TABELLINO E PAGELLE

WATFORD (3-5-2-): Gomes 4; Cathcart 6.5, Prodl 6, Britos 6.5; Amrabat 5.5, Guedioura 6.5 (88′ Vydra sv), Behrami 6, Capoue 6.5 (84′ Doucoure sv), Holebas 6.5 (90′ Zuniga sv); Deeney 6, Ighalo 6.5
A disp.: Pantilimon, Nyom, Anya, Hoban
All. Mazzarri 6.5

CHELSEA (4-1-4-1): Courtois 6.5; Ivanovic 6.5, Cahill 5.5, Terry 6, Azpilicueta 5.5; Kante 6; Pedro 5 (71′ Victor Moses sv), Oscar 6.5 (73′ Batshuayi 7 ), Matic 5 (78′ Fabregas 7), Hazard 6; Diego Costa 6.5
A disp.: Begovic, Aina, Chalobah, Loftus-Cheek
All. Conte 6.5

MARCATORI: 55′ Capoue (W), 80′ Batshuayi (C), 86′ Diego Costa (C)
AMMONITI: Deeney, Britos, Holebas (W), Cahill, Diego Costa (C)