Fiorentina, Sousa umile: “Pensavamo di poter vincere”

Fiorentina, Sousa umile: “Pensavamo di poter vincere”

Paulo Sousa, Fiorentina
Paulo Sousa, Fiorentina

Juventus-Fiorentina, Paulo Sousa vede del buono nella sconfitta di Torino e spiega: “Avremmo meritato nel secondo tempo, loro in gol su rimpallo”.

E’ una Fiorentina sterile – ad eccezione di Kalinic – quella che esce dallo Juventus Stadium. I viola rischiano a più riprese l’imbarcata, non riuscendo ad impensierire mai la retroguardia bianconera, ma trovano comunque il pari su calcio d’angolo grazie all’incornata del croato. Paulo Sousa, a fine gara, vede però il bicchiere mezzo pieno: “Siamo vivi, abbiamo coraggio e l’ambizione di essere pericolosi anche contro una squadra che vuole vincere in Europa. Piano piano, nelle difficoltà, abbiamo cercato di giocare fino a a dominare, a pareggiare e a pensare di poter vincere“.

Sousa su Juventus-Fiorentina

Ha commentato così la prova dei suoi il tecnico lusitano al termine della partita: “Vogliamo avere coraggio ed ambizione, vogliamo giocarcela con tutti, anche contro una squadra come la Juve impostata per vincere la Champions. Questa partita era difficilissima. Abbiamo corso molto soprattutto nella prima parte, mantenere quei livelli non era facile. Purtroppo il loro secondo gol, arrivato con un rimpallo, ci ha tagliato le gambe”.

Sulle scelte: “Borja Valero ha cercato di recuperare per aiutarci oggi, ma aveva fastidio e non era guarito. Chiesa sta lavorando molto bene, si è integrato subito con il gruppo. Avrà tante possibilità di maturare durante l’anno. Fa parte di un gruppo di giovani che ci stanno dando una mano mettendosi a disposizione. Il loro valore tornerà utile in futuro”.

“Il mercato non mi preoccupa. Borja Valero è un nostro giocatore, uno dei più importanti, quindi continuo a lavorare con lui – aggiunge Paulo Sousa – Dalla fine dello scorso anno ripeto sempre che penso a lavorare con i giocatori che ho senza chiedere nulla. Se la società compra o vende sul mercato saranno decisioni prese per il bene della Fiorentina. Vogliamo essere una squadra diversa dalle altre, proporre un nostro gioco ben preciso nonostante tutte le difficoltà che abbiamo avuto questa sera. Dobbiamo credere nelle nostre capacità”.

La chiosa sui dieci minuti finali concessi a Giuseppe Rossi: “Ha iniziato bene la preparazione a Moena, ha delle ottime capacità e insieme agli altri ci aiuterà in tutta la stagione per vincere con la Fiorentina”.

Stefano Mastini