Juventus, Matuidi è il sogno. Bakayoko il giovane prescelto

Juventus, Matuidi è il sogno. Bakayoko il giovane prescelto

 Tiémoué Bakayoko, Monaco - Calciomercato, Juventus
Tiémoué Bakayoko, Monaco – Calciomercato, Juventus

Calciomercato – Juventus pronta sferrare gli ultimi botti di mercato: Cuadrado c’è ma Conte non molla, Matuidi è il sogno e potrebbe arrivare Bakayoko.

Manca una settimana e poco più al termine della finestra di calciomercato e la Juventus è pronta a mettere a segno gli ultimi botti dell’estate 2016. Cuadrado e Matuidi sono i nomi grossi su cui Marotta punta con insistenza: il colombiano del Chelsea è vicino al prestito e i dirigenti bianconeri stanno limando l’affare (4 milioni di €), Conte però non vorrebbe lasciarsi sfuggire l’esterno così facilmente. Per l’interno francese la strada è tutt’altro che in discesa sebbene la Vecchia Signora possa vantare il placet del giocatore, il Paris Saint Germain non si accontenta delle briciole anzi, pretenderebbe una cifra importante per separarsi da quest’ultimo.

Juventus vigile sui giovani

Bakayoko, Ruben Neves e Makengo. Sono questi i giovani sul taccuino di Marotta. Per il mediano del Monaco i contatti sono stati già avviati, con gli osservatori bianconeri che avrebbero visionato il calciatore per tutta l’estate, come certificato anche dal procuratore del parigino classe 1994, Michel Boli al quotidiano transalpino L’Equipe: “La Juventus ha visionato Tiémoué già tre volte quest’estate, ma lo seguono anche Manchester United, Stoke City, Leicester e WBA”. La richiesta del club monegasco rientra nei parametri accettabili: 10-12 milioni di €. Sempre in Francia, viene tenuto sott’occhio anche JeanVictor Makengo, 18 anni, del Caen.

Di tutt’altra entità la valutazione della stellina del Porto. Pinto da Costa non farà partire il suo virgulto per meno di 25 milioni di €. In terra lusitana però, l’affare non viene escluso a priori. Ruben Neves non ha preso parte alla gara valevole per i preliminari di Champions League. Una panchina grondante lacrime dal sapore amaro per lui che potrebbero presagire un possibile addio.

Stefano Mastini