Roma, Spalletti predica calma. E a Cagliari non ci sarà Totti

Roma, Spalletti predica calma. E a Cagliari non ci sarà Totti

luciano spalletti champions league roma
Spalletti in conferenza – Foto Twitter @OfficialASRoma

Dopo l’eliminazione contro il Porto il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, vuole subito ripartire alla grande. Ma non sarà facile a Cagliari

 

Dagli errori s’impara

La Roma ha subito l’occasione per dimenticare in fretta la cocente sconfitta dell’Olimpico contro il Porto: domani a Cagliari andrà in scena il secondo match di campionato dopo il poker rifilato all’Udinese. Luciano Spalletti vuole che i suoi giocatori imparino dagli errori commessi: “Nel calcio spesso è importante vincere, ma a volte è più importante resistere alle sconfitte e avere nuovi obiettivi per altre vittorie”. Si volta pagina, bisogna guardare avanti: questo chiede l’allenatore toscano ai giallorossi. Non volerà in terra sarda, però, Francesco Totti: “Non sarà convocato per un problema alla caviglia sinistra, quella operata diversi anni fa”.

Non sarà facile

Il Cagliari, sconfitto nella prima partita stagionale a Genova, vuole conquistare i primi punti in campionato. La campagna acquisti ha regalato a Rastelli ottimi innesti d’esperienza come Borriello, Bruno Alves, Padoin. E giustamente Spalletti non si fida: ” E’ una squadra che gioca un buon calcio. Sarà una partita come tutte le altre, da vincere, se ci riusciamo, sul campo proponendo qualcosa di meglio”. E proprio l’ex attaccante dei giallorossi non vede l’ora di scendere in campo dopo il primo gol messo a segno in campionato. Già lo scorso anno con la maglia dell’Atalanta Borriello mise a segno una doppietta decisiva contro la sua ex squadra.

La vittoria non è tutto

Nonostante l’eliminazione in Champions Spalletti ha difesa i propri  giocatori: “La mentalità non è vincere sempre ma impegnarsi sempre. Per il periodo che ci sono stato io la Roma ha una mentalità, ha un modo suo di allenarsi, di stare insieme, di salutarsi, di guardare a quelli che devono essere gli obiettivi”. Ora si riparte, la nuova sfida si chiama Cagliari . Per dimenticare Porto.