Pazza Roma, Borriello e Sau firmano la rimonta

Pazza Roma, Borriello e Sau firmano la rimonta

borriello sau gol cagliari roma
Il gol di Borriello in Cagliari-Roma – Fonte Twitter @CagliariCalcio

Spalletti sdraiato che batte i pugni a terra è l’immagine del momento della Roma. I giallorossi, avanti per due reti zero, tornano a casa con un solo punto e tanti rimpianti nella valigia. Colpa di un atteggiamento troppo supponente, a più riprese rimarcato dal mister nel corso del match. La squadra di Spalletti non ha ancora assorbito psicologicamente la debacle nei preliminari di Champions League. I principi tattici, dei quali il fiorentino è maestro, devono essere applicati per l’intera durata del match e non solamente nei primi minuti, quando l’eco della voce del mister è ancora nelle orecchie.

Spalletti tarantolato

Buon primo quarto d’ora della Roma. I giallorossi nei primi minuti vanno vicini alla rete con una discesa di Bruno Peres e si conquistano un calcio di rigore. Diego Perotti è glaciale come al solito. L’impianto giallorosso è comunque troppo fragile. Non appena il Cagliari prende coraggio la Roma va fuori giri. Spalletti, tarantolato a bordo campo, è il termometro della situazione. Nonostante il vantaggio il tecnico toscano si sbraccia, riprende Salah e Florenzi a più riprese. La catena di destra non funziona, con l’egiziano che si accentra troppo ingorgando le vie centrali e non sfruttando gli spazi sull’esterno.

Dzeko cambia volto alla squadra

In avvio di ripresa ancora una fiammata della Roma. Il nuovo entrato Dzeko si libera da attaccare vero in area di rigore e serve con una sponda l’accorrente Strootman che scarta il cioccolatino. “Bentornato Kevin” il messaggio all’interno. L’ingresso della punta bosniaco regala un punto di riferimento a Perotti e Salah. Il tridente col falso nove ha faticato molto nella prima frazione, faticando a trovare i compagni a causa dei movimenti troppo anarchici. Neanche il tempo di sorridere che arriva il gol del Cagliari a rimettere in apprensione Spalletti. A segnare è ancora lui, Marco Borriello: dormita generale della difesa giallorossa che lascia le due punte cagliaritane libere. Szczesny fa un miracolo su Sau, ma non può niente sul tap-in dell’ex.

In stile Trap

Per alleviare la pressione del Cagliari Spalletti corre ai ripari con un cambio. Ad uscire è Diego Perotti il favore del centrale difensivo Fazio. Questa mossa, alla ricerca di un miglior piazzamento difensivo, ha l’effetto contrario. La squadra di Rastelli fiuta la paura dell’avversario e cerca di azzannarlo, producendo il suo momento di maggior sforzo. La Roma, decisamente in apprensione, continua a soffrire la freschezza degli avversari. Ironia della sorte decisivo nel pareggio è proprio il nuovo entrato Fazio.

All’ultimo respiro svetta Sau

Cross dalla destra di Isla, il pallone scavalca il centrale della Roma e Sau si infila fra lui e Manolas, infilando a dispetto dell’altezza Szczesny da zero metri con un colpo di testa. Risultato finale giusto con il Cagliari ha cercato e meritato il pareggio, giocando con coraggio contro un avversario sulla carta superiore. A distinguersi, oltre alla coppia d’attacco andata a segno, è Davide Di Gennaro, playmaker scuola Milan dal sinistro educatissimo. Coraggioso Rastelli, che dimostra di non aver paura e di meritare ampiamente la categoria. La partita di stasera non fa che aumentare i dubbi nella testa di Spalletti, infuriato con Salah a seguito di una delle prestazioni più tatticamente indisciplinate da quando è in Italia. “Siamo partiti molli – l’autocritica di un raggiante Sau – sia nel primo tempo che nel secondo. Siamo stati bravi a recuperare, sono contento anche se il primo gol lo ha segnato Marco”.

Cagliari-Roma, tabellino e pagelle del match

Cagliari (4-3-1-2): Storari 7; Isla 5.5, Salamon 6, Bruno Alves 6, Murru 5.5; Padoin 6.5 (71′ Giannetti 6), Di Gennaro 6.5, Ionita 6; Barella 6.5 (79′ Deiola sv); Borriello 7, Sau 7 (90’+1 Munari sv). Allenatore: Rastelli.

Roma (4-3-3): Szczesny 6; Florenzi 5, Manolas 5, Vermaelen 5.5, Bruno Peres 6.5; Nainggolan 6, De Rossi 5.5, Strootman 6.5 (79′ Paredes sv); Salah 5, Perotti 6.5 (64′ Fazio 5.5), El Shaarawy 6 (46′ Dzeko 6). Allenatore: Spalletti.

Marcatori: 6′ rig. Perotti, 46′ Strootman, 56′ Borriello, 88′ Sau.

Note: ammoniti Isla, Murru, Salamon, Florenzi.