Torino, Maksimovic è un uomo morto per Mihajlovic

Torino, Maksimovic è un uomo morto per Mihajlovic

(fonte foto: torinofc.it)
(fonte foto: torinofc.it)

Maksimovic è sempre più vicino al Napoli, Sinisa Mihajlovic ha già dimenticato il centrale serbo: “Per me è morto”.

 

Addio Toro

Mancano solamente tre giorni alla fine del mercato. E da diverse settimane il Torino vive una situazione alquanto strana: il difensore serbo, Nikola Maksimovic, si è rifugiato in patria senza dare spiegazioni. Ieri in conferenza stampa alla vigilia del match con il Bologna, l’ex allenatore del Milan, Sinisa Mihajlovic, senza troppi giri di parole, ha dichiarato: “Per me Maksimovic è morto”. Il tecnico serbo vuole così pensare solo ed esclusivamente al calcio giocato: a breve il centrale lascerà ufficialmente la squadra granata. L’accordo con il Napoli sembra ormai ad un passo sulla base di 28 milioni di euro. Il patron Cairo si è deciso a cedere uno dei pezzi pregiati dopo troppi tentennamenti. De Laurentiis l’ha voluto fortemente ed ora sembra davvero tutto risolto.

La conferma di Sarri

Con Tonelli infortunato e Koulibaly impegnato a gennaio in Coppa d’Africa, Maurizio Sarri ha fatto intendere che arriverà un altro difensore sotto l’ombra del Vesuvio: “La mia opinione è che sui centrali non c’è ancora chiarezza. Tonelli è out, Koulibaly andrà in Coppa d’Africa e si torna spesso in condizioni disastrose. Forse in quella zona siamo un po’ corti”. Il profilo di Maksimovic sembra essere quello giusto. Il serbo, però, non si allena con il resto della squadra già da diverso tempo e sicuramente non sarà in perfette condizioni. Lo scorso anno, inoltre, il centrale granata ha giocato poco a causa di un grave infortunio al piede. Durante la sosta Nazionale Sarri potrebbe subito istruire il forte centrale serbo. Il Napoli non si ferma, ora manca solo un sostituto di Gabbiadini vicinissimo ad una cessione. Dopo Diawara, ecco il caso Maksimovic: il 31 agosto è ormai vicinissimo.