L’insana passione per Muriel, l’amore estivo che tradisce in inverno

L’insana passione per Muriel, l’amore estivo che tradisce in inverno

Muriel dopo il gol siglato all'Empoli - FOTO: Pegaso Newsport
Muriel dopo il gol siglato all’Empoli – FOTO: Pegaso Newsport

Ancora una volta Luis Fernando Muriel inaugura una nuova stagione da fenomeno assoluto. Confermerà quanto di buono fatto vedere?

Si vivesse solo di inizi, Luis Fernando Muriel sarebbe probabilmente uno dei giocatori più forti e decisivi del pianeta. Nonostante si tratti di un giocatore dal talento sopraffino, la realtà però è un’altra. Si parla di un ragazzo ricco di contraddizioni. Da diversi anni atteso alla definitiva consacrazione, il colombiano ha fatto fatica a confermare tutto quello che di buono ha lasciato intravedere. Le prime due partite di questo campionato hanno confermato la naturale predisposizione di Muriel alle “partenze col botto”. Nei primi due vittoriosi impegni della Sampdoria per il sudamericano 1 gol, 1 assist e un rigore procurato. Sei punti che portano prepotentemente il suo marchio e che dovrebbero far sperare in una stagione sopra le righe. Ci si può fidare però delle partenze a razzo di Muriel?

Le fantastiche partenze, i deprimenti arrivi

Purtroppo la storia del colombiano ci rende un tantino scettici. Non tanto sul talentino cristallino del ragazzo bensì sulla sua continuità e integrità fisica. Nella scorsa stagione nelle prime 3 partite arrivarono subito 2 gol e 2 assist ma poi le cose andarono diversamente. Il bottino finale di reti si fermò a 6, con oltre 4 mesi di digiuno da febbraio fino alla fine del campionato. Nel 2015, quando dall’Udinese passò alla Sampdoria, l’impatto in blucerchiato fu a dir poco esplosivo. 3 reti e 1 assist nelle prime 5 presenze, a cui però fecero seguito 3 mesi di buio totale con una sola rete messa a segno.

Tra promesse da mantenere e scomodi paragoni

Con la maglia dell’Udinese la musica non cambia. Anche nella stagione 2013/2014, il talento di Muriel non andò oltre le prime giornate di campionato. 2 gol e 1 assist nelle prime 3 partite, poi 1 gol a ottobre, 1 a febbraio e il solito deprimente vuoto primaverile. Come quei grandi amori estivi che puntualmente si sciolgono ai primi freddi, Luis Muriel si appresta a vivere la sua sesta stagione italiana con questo macigno da “bello ma infedele”. Riuscirà finalmente a dare continuità agli splendidi inizi? La Genova blucerchiata, a punteggio pieno in questo avvio di campionato, per adesso si coccola la sua perla nera sperando di non maledire in inverno quei giorni caldi in cui il ragazzo con la 9 sulle spalle scomodava pesanti paragoni.