Rissa con il vicino per il terzino Olkowski: è indagato per aggressione

Rissa con il vicino per il terzino Olkowski: è indagato per aggressione

Pawel Olkowski - FOTO: sito ufficiale Colonia
Pawel Olkowski – FOTO: sito ufficiale Colonia

Guai casalinghi per il terzino del Colonia Pawel Olkowski: lite con il vicino e denuncia per aggressione servita.

Ognuno di noi, almeno una volta nella vita, ha dovuto avere a che fare con dei vicini di casa poco educati. Chi alza il volume della tv anche a notte fonda, chi possiede un animale domestico molto fastidio e chi, molto semplicemente, riesce a creare caos in ogni momento della giornata. Ebbene, almeno per una sera il cattivo vicino è risultato essere il terzino del Colonia Pawel Olkowski. Per lui, però, le cose non sono andate a finire benissimo.

Rissa

Secondo quanto riportato dal sito di Fox Sports, il terzino polacco del club tedesco è infatti indagato per aggressione a causa del comportamento tenuto con alcuni vicini di casa. I fatti parlano di un Olkowski che avrebbe invitato alcuni amici nella sua abitazione per festeggiare la vittoria ottenuta contro il Darmstadt per 2-0, i quali sarebbero poi andati via intorno alle 21. Poco dopo il vicino del calciatore si sarebbe presentato nell’abitazione dello stesso, cercando di entrare e accusando il ragazzo di disturbo alla quiete pubblica. Tra i due sarebbe nata una colluttazione che avrebbe visto l’atleta dominare fisicamente sull’avversario. Così è scattata la doppia denuncia, con il calciatore che ovviamente ora ha gli occhi della società puntati addosso per chiarire la sua posizione.

Sul campo

A dispetto dei presunti problemi di vicinato, sul campo Olkowski sembra essere una garanzia: 26 anni, nel giro della Nazionale polacca dal 2013, il ragazzo gioca nel Colonia dal 2014 dopo una prima parte di carriera svolta interamente in patria. In Germania ed in Europa sembra avere discreto credito, tanto è vero che secondo le statistiche Olkowski fa parte della Top Ten dei terzini destri più forti del famoso videogioco FIFA 16. Ora, insomma, non resta che risolvere i problemi di vicinato, magari proprio con un match videoludico.