Lo svincolato extra lusso cerca squadra

Lo svincolato extra lusso cerca squadra

caceres-ferrari

E’ il 31 agosto e Martin Caceres è ancora alla ricerca di una squadra. Una bestemmia calcistica se si pensa al valore assoluto del giocatore. Abile di testa, capace di disimpegnarsi sia come centrale che come terzino. Può giocare su entrambe le fasce ed ha un piede discretamente educato. Fortissimo in marcatura, un po’ meno nei piazzamenti. Farebbe comodo a molti club sia esteri che italiani. Eppure Caceres è ancora senza squadra, in attesa del progetto giusto per rilanciarsi. La Juventus ha deciso di non rinnovare il contratto con lui dopo un quinquennio di vittorie scudettate.

Dopo una prima esperienza in bianconero nella stagione 2009-2010, el Pelado è tornato a Torino nel 2012, in tempo per il primo Scudetto dell’era Conte. Prima riserva della BBC, l’uruguagio, complice anche una serie di infortuni, è stato scalzato dal giovane Rugani. Da qui la decisione bianconera di concludere il rapporto lavorativo. L’infortunio al tendine d’Achille, ultimo di una lunga serie, ha portato la Juventus a preferire un profilo più integro nel ruolo di riserva.

caceres

Non è tutto oro quel che luccica

Se le doti del calciatore sono fuori discussione, lo sono anche i suoi vizi fuori dal campo. In due occasioni durante la sua permanenza a Torino Caceres ha avuto a che fare con incidenti automobilistici, dai quali è uscito illeso. Nell’ultima occasione gli è stato rilevato un tasso alcolemico troppo alto che gli è costato l’esclusione dalla prima squadra. Dopo il reintegro è arrivato l’infortunio in una stagione senza pace. Nonostante i suoi eccessi, dal punto di vista sportivo il giocatore è ancora validissimo per molte squadre in Italia e all’estero alle prese con carenze difensive.

Milan l’è un gran Milan

La prossima città di Martin Caceres sarà con ogni probabilità Milano. Dopo Roma e Napoli, che l’hanno a lungo inseguito per poi virare su altri profili, è il turno delle milanesi. Il Milan è in cerca di un colpo last minute per la difesa: Gustavo Gomez, Zapata, Paletta e Vergara non sono profili in grado di arricchire un top player wannabe come Romagnoli. L’Inter è invece alle prese con l’atavica questione terzini (il solo Ansaldi, infortunato, è un giocatore di livello) e con quella del vice Miranda, con Ranocchia che ha steccato l’ennesima partita. Da non dimenticare il fatto che il giocatore ha 29 anni, non stiamo parlando di un difensore a fine carriera ma di uno nel pieno della maturità, con ottime doti. Se dovesse ritrovare l’integrità fisica potrebbe anche presentarsi l’opportunità di una golosa plusvalenza.

Gli occhi della Liga

Su Caceres ci sono anche gli occhi della Liga spagnola. Il centrale uruguagio, cresciuto nel Barcellona, ha lasciato un bel ricordo nel biennio a Siviglia. Sulle sue tracce c’è il Valencia, che dovrà fare i conti con la cessione di una vecchia conoscenza del nostro campionato, l’ex doria Mustafi. Il difensore tedesco si è accasato all’Arsenal per una cifra pari a 37 milioni di euro. Da svincolato, Caceres potrà accasarsi in un club anche dopo la chiusura del calciomercato. M’ama, non m’ama, l’uruguagio sfoglia la margherita con il telefono sul tavolo, in attesa di una chiamata.