Italia-Francia Beta Tester: ci sarà la moviola in campo

Italia-Francia Beta Tester: ci sarà la moviola in campo

Björn Kuipers, arbitro di Italia-Francia
Björn Kuipers, arbitro di Italia-Francia

Calcio&Innovazione – In occasione di Italia-Francia sarà predisposto il Video assistant referee. Kuipers e i suoi colleghi potranno però solo scambiarsi opinioni e rivedere le proprie decisioni.

Passi da giganti nel campo dell’innovazione, soprattutto in quello dell’accettazione. Stasera Italia-Francia, amichevole in programma alle ore 21:00 al San Nicola di Bari, sarà un “Beta Tester” di lusso per quello che ormai appare essere come un passo doveroso che il calcio è chiamato a fare nel prossimo futuro: la moviola in campo. La Fifa è stata la prima promotrice di tale iniziativa con Gianni Infantino grande sostenitore di tale innovazione.

Italia-Francia e la moviola in campo, come funziona

Non sarà esattamente la moviola in campo quella che verrà predisposta in occasione del match di stasera. Tutt’altro, il Video assistant referee permetterà di avere una visione nuova e unica per il direttore di gara attraverso gli occhi dei propri collaboratori, distaccati in un gabbiotto posto in prossimità della tribuna, ma non verrà utilizzato per modificare le decisioni prese dall’arbitro olandese Björn Kuipers.
Solo e soltanto opinioni e niente più. Al fine di raccogliere documentazione a sufficienza per capire la reale utilità, nonché possibilità di utilizzo, di tale tecnologia. Al centro del dibattito tecnico, ci saranno tutti i casi considerati poco chiari dal codice International Football Association Board (IFAB): gol irregolare in fuorigioco, fallo dentro o fuori l’area di rigore, scambio di persona nell’attribuzione delle ammonizioni, gesti violenti non rilevati dalla squadra arbitrale.
Italia-Francia sarà solo il primo degli eventi in cui sarà testato il Video assistant referee, a partire dal prossimo ottobre toccherà infatti alla nostra Serie A. Qualora i rilevamenti fatti sul campo si dimostrassero utili ai fini sportivi, allora già a partire dalla stagione 2017/18 si potrebbe realizzare il sogno di tutti gli sportivi appassionati di tecnologia: vedere la moviola in campo.
Stefano Mastini