SHARE
Falcinelli Trotta Crotone
Falcinelli e Trotta nel post gara (Foto: Facebook ufficiale Crotone)

Diego Falcinelli e Marcello Trotta sono stati i protagonisti assoluti della prima vittoria del Crotone. Una rete a testa condita da una piccola lite.

Un pomeriggio storico quello di oggi per il Crotone di Davide Nicola. Dopo ben undici turni di campionato è infatti arrivata la prima vittoria della storia pitagorica in Serie A. Un successo per 2-0 sul Chievo arrivato meritatamente ma di certo non senza soffrire. La sfida dello Scida è stata decisa dalle reti in chiusura di prima e seconda frazione della coppia offensiva di Nicola. Proprio nel recupero del primo tempo è arrivato il calcio di rigore per il Crotone. Penalty concesso per fallo su Mesbah e trasformazione impeccabile di Marcello Trotta sotto la traversa. Al 92’ è toccato invece a Diego Falcinelli timbrare il cartellino infiocchettando così la prima vittoria del Crotone.

Il rigore della discordia

L’episodio del calcio di rigore è quindi quello che ha sbloccato la contesa in favore dei padroni di casa ma non tutto è andato per il verso giusto. Prima della battuta a rete di Trotta c’è infatti stato un lungo e a tratti comico litigio tra l’ex avellinese e Falcinelli. Una situazione non chiarissima che ha visto alla fine trionfare Marcello Trotta forse grazie anche ad un ordine superiore proveniente dalla panchina. L’ex attaccante del Sassuolo fortunatamente non sbaglia mentre Falcinelli viene trascinato via dai compagni.

Pace fatta

Nel post gara ai microfoni di ‘Sky Sport’ i due bomber del Crotone hanno commentato insieme l’accaduto con un bel sorriso stampato sulle labbra. Prima la versione di Trotta: “Non c’era un rigorista designato. C’erano tre o quattro in lista, ma nessuno in particolare era designato. Tutt’e due volevamo far goal, alla fine ho calciato io ed è andata bene”.

Subito dopo la replica di Falcinelli: “E’ stata una scenetta simpatica. Dal campo non mi sono reso conto che stava diventando una sceneggiata. Anche un po’ pesante, ma sono contento per Marcello che ha trasformato il rigore perché era importantissimo vincere”.