Biglia e la polemica infortuni: “Sono andato in Argentina che non potevo nemmeno camminare”

Biglia e la polemica infortuni: “Sono andato in Argentina che non potevo nemmeno camminare”

Dopo circa un mese di stop è tornato in campo Lucas Biglia. Il rientro sul terreno di gioco dell’argentino è però avvenuto non senza polemiche.

Prosegue a gonfie vele la stagione della Lazio di Simone Inzaghi. I biancocelesti hanno vissuto un altro pomeriggio di festa all’Olimpico e non solo per il 2-1 sul Sassuolo. Nel corso del secondo tempo infatti l’Olimpico ha riabbracciato l’argentino Lucas Biglia. Il centrocampista ex Anderlecht è tornano prontamente in campo dopo l’infortunio del mese scorso che avrebbe dovuto tenerlo out circa due mesi. Un recupero lampo con annesse polemiche relativo ai troppi KO dello stesso Biglia. Prima della partita infatti la stoccata velata l’ha piazzata Enzo Montepaone, agente del calciatore su Twitter. “Grazie allo staff medico della nazionale argentina”. Una critica quindi indiretta all’operato dello staff laziale.

Prima non camminavo

A rincarare la dose ci ha pensato poi lo stesso Biglia dopo il suo ritorno in campo. Uno sfogo deciso dell’argentino che ha chiuso la questione: “Sono andato in Argentina che non potevo nemmeno camminare e sono tornato che correvo. Io ringrazio anche lo staff medico della Lazio che mi ha assistito nella fase finale del mio recupero. Io ringrazio tutti quelli che mi aiutano, ma ho avuto solo quattro infortuni muscolari. Può capitare che in un contrasto mi faccia male ad un ginocchio o a una caviglia. Quando capita penso subito a rientrare: dovevo rimanere fuori due mesi, sono tornato dopo uno. Io non faccio polemica, non ho un sosia, non parlo mai con nessuno. Le polemiche di sicuro non partono fa me…”

Rinnovo?

Impossibile non tornare anche sulla questione legata al rinnovo con la Lazio. “Se ne sta parlando, a dicembre avremo un nuovo incontro. Sono felice di quello che stiamo facendo, siamo una squadra forte”.

Un ritorno in campo dunque non senza polemiche per Lucas Biglia dopo 4 gare di stop.