Juventus-Lione 1-1: cronaca, pagelle e tabellino

Juventus-Lione 1-1: cronaca, pagelle e tabellino

Una Juve disattenta e sorniona spreca l’opportunità di raggiungere gli ottavi di finale con due giornate di anticipo. Juventus-Lione termina 1 a 1

Il pubblico e l’atmosfera, allo Juventus Stadium, sono quelli delle grandi occasioni ma gli uomini di Genesio non subiscono l’effetto trasferta. Infatti è il Lione a partire subito forte, al 9′ con Rybus che, dopo aver triangolato con Lacazzette, impensierisce Buffon con un diagonale respinto in angolo. Non si fa aspettare la risposta dei Bianconeri. Uno spiritato Mandzukic ruba un tempo di gioco alla disattenta difesa francese, raccogliendo una sponda di Khedira tirando su Lopes. La svolta arriva al 12′. Sturaro penetra dalla sinistra, Diakhaby stende il centrocampista e Kuipers fischia calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Gonzalo Higuain, che trasforma il rigore in goal al 13′ mandando in vantaggio i bianconeri.

Sono 15 i minuti che la Juve impiega per prendere in mano la prima frazione di gara. Possesso palla e pochi rischi per gli uomini di Allegri, che rischiano sia con Marchisio che con Higuain di raddoppiare. A sorpresa però, il primo tempo si chiude con un altro brivido per la Juventus. Infatti Ghezzal salta netto Evra e conclude di poco a lato.

La seconda frazione sembra essere un remake della prima. Juve in controllo e Lione confuso ma pericoloso in ripartenza. Al 52′ si accende Pjanic, che tenta di riscattare una opaca prestazione con un assist a servire Mandzukic che tira sul fondo. Il pressing alto però del Lione fa cambiare l’ossatura ai bianconeri. Allegri passa al rombo a centrocampo, sfruttando il dinamismo di Alex Sandro. Tutto inutile però, la Juventus è in apnea.

 Cornet fa tremare i bianconeri ad un quarto d’ora dalla fine, ma il solito Barzagli devia in angolo. Era nell’aria il goal del pari e infatti non si fa aspettare. Tolisso, il migliore per l’Olympique, conclude di testa a pochi passi da Buffon allo scoccare dell’85’ minuto. La Juve tenta di alzare la testa con qualche incursione di Cuadrado, ma è costretta a finire la partita in ripiegamento. Lacazette viene recuperato infatti da Barzagli che ripiega in angolo, spegnendo ogni velleità di pareggio per la Juventus.

Il tabellino

Juventus-Lione 1-1 (Higuain 13′, Tolisso 85′)

Juventus (4-3-1-2): Buffon, Dani Alves, Barzagli, Bonucci(Benatia 68′), Evra, Khedira , Marchisio, Sturaro, Pjanic (Alex Sandro 68′), Mandzukic, Higuain (Cuadrado 37′). All: Allegri

Lione (4-4-2): Lopes, Rafael, Diakhaby, Mammana, Morel, Tolisso, Gonalons, Ghezzal, Rybus (Cornet 71′), Lacazette, Fekir (Darder 77′). All: Genesio

Ammoniti: Pjanic 38′(J), Barzagli 58′(J), Marchisio 84′(J), Sturaro 89′(J),Darder 91′(L), Ghezzal 93′(L)

Arbitro: Bjoern Kuipers

Pagelle Juventus

Buffon 6: La serata non sembra essere una delle più tranquille per Gigi Buffon. Il numero uno bianconero infatti da subito viene impegnato da Rybus, deviando in angolo. Il Lione non crea occasioni pericolose degne di grande nota,.Buffon è poco impegnato e incolpevole sul goal subito.

Dani Alves 6: Attento in fase difensiva, ma dal brasiliano tutto estro e fantasia ci si aspetta sempre qualcosa di più. L’esperienza da Champions appartenente al background di Dani non fuoriesce fino in fondo limitandosi a svolgere solo il proprio compito.

Barzagli 7: La roccia, è il soprannome del granitico centrale Toscano ed in campo si vede. E’ il migliore dei suoi, non sbava quasi mai e trasmette sicurezza a tutto il reparto. Concede un’occasione nel finale a Lacazette ma rimedia subito in angolo.

Bonucci 6: Gioca solo il primo tempo, prima di uscire al 10′ del secondo. Gara attenta in fase difensiva con qualche buono spunto in versione regista.

Evra  5,5: Non ha la spinta di Alex Sandro, ma questo è ben noto. Il terzino francese gioca una attenta prima frazione di gioco, senza mai proporsi in maniera incisiva in fase offensiva. Si spegne come tutta la Juve nel finale.

Khedira 5: Lento, impacciato, la brutta copia del centrocampista tuttofare fin qui ammirato da tutti. Non riesce a penetrare negli spazi come richiede Allegri e viene risucchiato dal centrocampo francese.

Marchisio 6: Si colloca in maniera abituale in cabina di regia. Si scambia spesso la posizione con Pjanic andando anche al tiro in maniera pericolosa al 25′ del primo tempo. Le geometrie ci sono tutte, la condizione ancora no.

Sturaro 6: Indiavolato, corre su e giù, si conquista il rigore. Un gladiatore nel primo tempo, una voce nel deserto durante il secondo. Saltano le marcature e ne risente, fatica sulle preventive in aiuto a Evra e spesso commette falli stupidi.

Pjanic 4,5: Il peggiore dell’11 bianconero, spaesato. Il 4-3-1-2 viene disegnato per lui, il bosniaco  ringrazia ma non ripaga. Un lampo di genio in assist a Mandzukic, l’unica nota positiva per lui. Ci si aspetta di più da un giocatore della sua caratura.

Mandzukic 5,5: Classico gladiatore, combatte e non molla mai. Forse questo atteggiamento è controproducente minandone la lucidità sotto porta.

Higuain 6,5: Giocate di qualità, il Pipa trascina la squadra trasformando il rigore. Ottimi spunti individuali. Spreca il possibile 2-0 durante il primo tempo, per poi spegnersi nel secondo.

(Cuadrado sv, Benatia 6, Alex Sandro 6)

Pagelle Lione

Lopes 6, Rafael 7, Diahkaby 5,5, Mammana 6 , Morel 6, Tolisso 7,5, Gonalons 6, Ghezzal 6,5, Rybus 6, Lacazette 6, Fekir 6. ( Cornet 6.5, Darder 5.5)