Evra: “Abbiamo perso di personalità. Se giochi nella Juve devi vincere”

Evra: “Abbiamo perso di personalità. Se giochi nella Juve devi vincere”

Esempio di schiettezza e leadership, Patrice Evra parla del pareggio contro il Lione

Lo Stadium resta imbattuto. L’unica squadra a vincere a Torino è stato il Bayern Monaco nell’aprile 2013, ma curiosamente questo è il secondo pareggio su due partite casalinghe del girone di Champions. Dopo lo 0-0 di Siviglia al debutto, ecco l’1-1 contro il Lione: i bianconeri sono tanto micidiali in trasferta (vittorie in Francia e sul campo della Dinamo Zagabria) quanto deludenti davanti ai propri tifosi. Per spiegare questo momento particolare della stagione, non poteva che prendere parola il solito esempio di schiettezza e autocritica. Ovviamente Patrice Evra che non si attacca ai soliti alibi o alla stanchezza per l’inaspettato pareggio della Juventus con il Lione. Il terzino ha quindi palesato a Mediaset Premium tutto il suo rammarico per il risultato ottenuto e spiegato i motivi della mancata vittoria:

Le parole di Evra

“Non siamo stati abbastanza aggressivi ma per me il problema non è stato il gol preso ma gli ultimi 20 minuti in cui abbiamo perso un po’ di personalità e fiducia, fondamentali per vincere le partite. Non dobbiamo inventarci scuse della stanchezza, non è stato un risultato da Juve. Eravamo tutti arrabbiati, non solo mister Allegri. Alla Juve ci sono degli obiettivi, quello di oggi era vincere per passare il turno e non l’abbiamo fatto. Adesso andremo a giocarcela a Siviglia, siamo la Juve e siamo pronti. Se giochi alla Juventus devi vincere. Siamo primi in campionato e in corsa in Champions, sono arrabbiato per la gestione della gara nel finale ma questo pari non è la fine del mondo. Non è che stasera non dormirò”.

Infine Patrice Evra chiude con la solita leadership: “Se non avessi fiducia in questa squadra chiederei al mister di non giocare più. C’è tanta pressione su di noi, vogliamo vincere il campionato e andare avanti in Champions però con calma. La gente vuole vincere subito ma la Champions non si vince adesso, si vince più tardi. Io ho la massima fiducia in tutti i miei compagni”