Mourinho, is it sarcasm? “Se dormi non vinci”

E’ un periodo nerissimo per il Manchester United: i Red Devils incassano un nuovo, cocente risultato negativo in Europa League e Josè Mourinho esterna alla stampa tutta la propria insoddisfazione.

Ieri i ‘Red Devils’ sono stati battuti dal Fenerbahce in trasferta per 2-1 ed ora si trovano relegati al terzo posto nel proprio girone in Europa League, alle spalle del Feyenoord e degli stessi turchi. Ed anche se la situazione in classifica non appare ancora compromessa (le prime due hanno 7 punti, gli inglesi 6) è comunque vero che mancano solo due giornate alla fine e la prossima potrebbe già essere da dentro o fuori.

In più è il gioco deficitario a preoccupare tifosi e stampa, e come diretta conseguenza ecco la penuria di risultati. Il Manchester United sta facendo malissimo in Premier League, con la vittoria che manca addirittura da fine settembre.

E’ poi giunto un ottobre nerissimo che ha contribuito a far sprofondare la squadra di stanza all’Old Trafford all’ottavo posto in campionato. Le vittorie negli ultimi due mesi sono state complessivamente solo 4 in tutte le competizioni.

SLEEPING UNITED

E la battuta di arresto in casa del Fenerbahce ha contribuito a scrivere anche una nuova voce nelle statistiche negative della società allenata da Josè Mourinho: per lo Utd è infatti arrivata la quinta sconfitta consecutiva in trasferta, cosa mai accaduta prima nella sua storia.

‘Mou’ si trova adesso a dover gestire questa complicatissima situazione, che sembra completare l’anno peggiore della sua carriera, cominciato con l’esonero dal Chelsea dello scorso dicembre. A parte il successo in Coppa di Lega contro il Manchester City non c’è proprio niente da salvare.

Mourinho ha commentato con amaro sarcasmo il ko di ieri in zona mista affermando: “Era come se il Fenerbahce stesse giocando la finale di Champions League e noi invece una semplice amichevole. Avevo avvisato la mia squadra di non sottovalutare l’impegno ma non mi hanno ascoltato”.

“Abbiamo subito la partenza a razzo dei nostri avversari, tanto è vero che dopo due minuti stavamo già perdendo (fantastico gol in rovesciata di Sow). La realtà è che stavamo dormendo”.

SOLO WAYNE DETTA LEGGE

In più piove sul bagnato: si è fatto male Paul Pogba, e per Mourinho questo fattore ha contribuito a complicare le cose. Mettiamoci pure il fatto che Ibrahimovic non segna da settembre ed il quadro nero in casa Manchester United è completo.

Il solo motivo per sorridere lo ha dato Wayne Rooney, autore del gol della bandiera nel finale che gli ha consentito di dimezzare il doppio svantaggio dovuto al sigillo di Lens al 61′. Con questa rete Rooney acciuffa anche Ruud van Nistelrooy a quota 38 realizzazioni nella classifica marcatori del Manchester United in Europa.

Ed il record di Bobby Charlton come miglior goleador in tutte le competizioni è a sole due lunghezze. Rooney è stato il solo a lottare e Mourinho dovrà ripartire da questo aspetto oltre che dalle recenti novità apportate in rosa.