SHARE

All’alba della sosta delle nazionali, vincere al fantacalcio diventa un obbligo. Due settimane per insultare gli sconfitti, o per entrare nel lunghissimo tunnel della vergogna. Proveremo ancora una volta a farvi evitare la gogna ed essere dalla parte giusta della barricata.

Si parte con la 12/a giornata di Serie A e del fantacalcio. Si, lo sappiamo che nella top 11 della scorsa settimana non ha segnato nessuno, ma era giusto un aperitivo per ciò che vi consiglieremo stavolta. Siete pronti a scoprire di quali giocatori non potrete fare a meno? Prendete carta e penna, si comincia.

Difesa da bonus

Iniziamo, come sempre, dal portiere. Il Torino in casa è una macchina da guerra mentre il Cagliari lontano dal Sant’Elia raccoglie sempre poco. Non è un’idea malvagia puntare sull’inglese “don’t break my” Hart per difendere la vostra porta ed evitare malus sgraditi. Davanti a lui facciamo guidare il reparto all’esperto Gonzalo Rodriguez, visti i pochissimi gol incassati in casa dalla viola e dalla folle incostanza della Samp. La vittoria contro l’inter potrebbe aver inebriato i cuori di Quaglia e compagni, stavolta potrebbe andare meno bene. Ai lati del “caudillo” puntiamo su due terzini tutti corsa e fantasia. Bruno Peres, tornato in gran forma dopo l’infortunio, potrebbe dare filo da torcere a Masina, mentre “you know my name” Alex Sandro è costantemente tra gli uomini più offensivi della Juve di Allegri.

Brutti e cattivi

Stavolta per il centrocampo puntiamo sulla sostanza. Ad aprire le danze un cattivo per eccellenza, ma che non disdegna gol sporchi, ignoranti e decisivi. Lo slovacco Juraj “Kuco” Kucka guida quindi la nostra gang in mediana, accompagnato da “predator” Laxalt e “ninja” Nainggolan. Dopo tutta questa cattiveria c’è però bisogno di un minimo di grazia e classe per poter alzare il livello del nostro undici. Il “ragioniere” della banda è quindi Marek Hamsik, galvanizzato dal golazo contro il Besiktas e pronto a trascinare gli azzurri nel match casalingo contro la Lazio.

Gol a raffica

In una squadra così delinquente non possono mancare tre attaccanti che possano far male più che mai all’avversario. Primo su tutti il capitano più odiato dal globo Mauro Icardi, che dovrebbe trovare davanti a se una difesa del Crotone più penetrabile di…vabè già sapete cosa intendiamo dire. Con un bomber così al centro dell’attacco, ai suoi fianchi servono scagnozzi agili e scattanti.

Chi, dunque, meglio di Defrel? Uno che quando segna tira su la maglia sul volto come i peggiori scippatori di vecchiette non può che piacerci, anche perché il momento positivo dell’Atalanta non può durare in eterno. E no, non saliremo sul carro quando i bergamaschi vinceranno lo scudetto. Chiude la nostra formazione Gianluca Caprari, sperando con tutto il cuore che la dea Kalì non stia più possedendo il corpo di Skorupski. Per il Pescara è arrivato il momento di far punti e l’Empoli, dopo il pari con la Roma, potrebbe lasciare il passo.

12/a giornata (3-4-3) Hart, Alex Sandro, Rodriguez, Peres, Kucka, Laxalt, Hamsik, Nainggolan, Caprari, Icardi, Defrel