SHARE
Hamsik Slovacchia
Marek Hamsik, capitano della Slovacchia. Fonte foto: Official home of #EURO2016 on Twitter

Marek Hamsik è tornato sui suoi livelli di rendimento. Lo stesso slovacco svela i motivi della sua rinascita.

Il Napoli di Maurizio Sarri punta forte su di lui. Il simbolo della città e il più longevo dei calciatori della rosa azzurra. Si parla chiaramente di Marek Hamsik, capitano slovacco ma ormai di adozione partenopea. Dall’arrivo di Sarri sulla panchina napoletana il numero 17 azzurro è tornato quello degli anni di Mazzarri. Dopo la fase di appannamento e incomprensioni sotto la gestione Benitez, lo slovacco è finalmente un leader ritrovato. Faro del centrocampo del Napoli, Hamsik quest’anno ha già timbrato il cartellino ben 5 volte tra coppa e campionato. Se aggiungiamo anche due assist e oltre 1200 minuti giocati è facile capire l’importanza dello slovacco nell’organico azzurro. Il capitano ha preso in particolare sulle spalle la squadra dopo l’infortunio di Milik. Un rendimento quello di Hamsik frutto, a detta sua, di un cambiamento anche nello stile di vita.

La ricetta segreta di Marek

Hamsik ha infatti rivelato il segreto della sua rinascita. Stando a quanto riportato dal ‘Corriere dello Sport’ il numero 17 avrebbe detto dal ritiro della Slovacchia: “Ho smesso di bere la Coca-Cola, adesso mangio soltanto verdure e cose del genere, cibi leggeri“. Un cambiamento di rotta importante che ha quindi sortito presto gli effetti sperati.

Condizioni

Hamsik, che è uscito malconcio dalla sfida contro la Lazio ha anche rassicurato sulle suo condizioni: “Sto bene e con la Lituania giocherò. Con la Lazio ho chiesto il cambio perché mi sentivo affaticato e non volevo rischiare. Milik ci manca molto e non lo dico perchè sto parlando con un giornalista polacco. Dopo l’addio di Higuain tutti si aspettavano un grande colpo e la scelta di De Laurentiis s’è rivelata giusta. Gli ultimi risultati sarebbero potuti essere migliori se fossimo stati più concreti. Creiamo tante occasioni, ma non le utilizziamo bene. Questo conferma che abbiamo un grande bisogno di Arek, speriamo torni presto in campo. Zielinski è già un giocatore di classe e può diventare un grande“.