Eremenko, che mazzata! Lunghissima squalifica dalla UEFA

Eremenko, che mazzata! Lunghissima squalifica dalla UEFA

L’ex centrocampista dell’Udinese, Roman Eremenko, è stato sorpreso ad un controllo antidoping. Lo rivela la UEFA, la partita incriminata è della fase a gironi di Champions League. Il finlandese è risultato positivo alle prime analisi.

Eremenko, classe 1987, è stato fermato per due anni all’indomani della positività riscontrata subito dopo il match tra il CSKA Mosca ed il Bayer Leverkusen. Gara che la compagine russa ha pareggiato in trasferta per 2-2 nella prima giornata della fase a gironi di Champions League. Uno dei due gol era stato segnato proprio da Eremenko. Si era trattata della marcatura che aveva consentito ai rossoblu di strappare un punto in Germania.

BECCATO!

Questo il comunicato ufficiale diramato dalla UEFA:

“L’Organo UEFA di Controllo, Etica e Disciplina (CEDB) ha comunicato oggi la sua decisione su Roman Eremenko. Il tutto in merito al centrocampista del PFC CSKA Moskva, Roman Eremenko.

Il giocatore finlandese è stato squalificato per due anni da tutte le competizioni. Eremenko è risultato positivo al test antidoping effettuato in occasione della partita della fase a gironi di UEFA Champions League tra Bayer 04 Leverkusen e PFC CSKA Moskva giocata il 14 settembre del 2016 in Germania.

L’analisi del campione A aveva rivelato la presenza di cocaina e suoi metaboliti. Si tratta di uno stimolante classificato nella categoria delle sostanze proibite dalla Lista 2016 del World Anti-Doping Agency (WADA) sotto la classe S6.

Il giocatore è stato dichiarato colpevole di aver infranto il Regolamento Anti-Doping UEFA, edizione 2016. L’Organo di Controllo, Etica e Disciplina ha perciò deciso di squalificare per due anni Roman Eremenko, partendo dal 6 ottobre 2016. Data in cui era iniziata la sospensione preventiva. Il ricorso può essere presentato entro tre giorni dal ricevimento delle motivazioni scritte”.

TRASCORSI ITALIANI

Ricorso che dovrebbe essere presentato. Non si escludono però anche provvedimenti drastici che il CSKA Mosca si riserverà di prendere. Come ad esempio la possibilità di valutare se sia possibile interrompere unilateralmente il contratto con Eremenko. Il centrocampista finnico milita col CKSA dall’agosto 2014. In precedenza ha giocato per Rubin Kazan, Dinamo Kiev ed anche per il Siena. In Italia però ha raccolto pochissime presenze. Solo 24 dal 2005 al 2008. Con la Finlandia le partite ufficiali disputate sono state ben 71 con 5 reti all’attivo.