Pereyra attacca Allegri: “Mi hanno scaricato senza motivo”

Pereyra attacca Allegri: “Mi hanno scaricato senza motivo”

Roberto Pereyra, scaricato in estate dalla Juventus è tornato alla carica con la maglia del Watford in Premier League.

Dopo 68 presenze e 6 reti la scorsa estate è terminata l’avventura juventina di Roberto Pereyra. Il centrocampista argentino ex River Plate nell’ultima finestra di calciomercato ha infatti fatto le valigie in direzione Premier League. Ad accoglierlo il Watford di Walter Mazzarri e della famiglia Pozzo. Una sorta di nuova casa dopo aver vissuto due anni alla Juventus di alti e bassi. Bene la prima stagione nella quale scese in campo addirittura 52 volte. Una sorta di jolly del centrocampo molto apprezzato da Allegri che però nella sua seconda annata ha vissuto un vero e proprio incubo. Tanti infortuni, una condizione precaria e pochissimo spazio. Solamente 16 gare tra coppe e campionato e tanta delusione. In estate poi la doccia gelata da parte della Juventus e dello stesso Allegri. Pereyra di fatto ‘non serve più’ alla causa bianconera. L’argentino vola quindi Oltremanica.

Partenza amara

“Ti conviene partire, non c’è posto per te”, la frase gelida del tecnico juventino Massimiliano Allegri stando al racconto di Roberto Pereyra. L’amarezza dell’ex Udinese diventa ancora più evidente nell’intervista rilasciata alla ‘Gazzetta dello Sport’: “Ci sono rimasto male. Dalla Juve e soprattutto da Allegri mi aspettavo un comportamento diverso. Mi hanno scaricato senza motivo. Tanti tifosi bianconeri ancora mi scrivono, dicono che sarei servito eccome a centrocampo. Lo penso anche io, ma sono contento di quello che sto facendo al Watford”.

Al Watford

Pereyra racconta poi la sua esperienza in Premier League: “Mi intrigava la Premier, poi la proprietà italiana mi ha convinto. Non conoscevo Mazzarri, mi ha parlato in estate, facendomi sentire importante. Penso a far bene col Watford, ma sarebbe bello rientrare da protagonista in Serie A. Sto bene fisicamente e di testa. E ho un paio di obiettivi da raggiungere: fare bene in Premier e riprendermi la Nazionale. Qualcuno potrebbe pentirsi di avermi lasciato andare…