SHARE
Edin Dzeko e Mohamed Salah, Juventus-Roma-Chievo - Serie A fonte: Roma AS
Edin Dzeko e Mohamed Salah, Juventus-Roma-Chievo - Serie A fonte: Roma AS

Mohamed Salah non recupera dall’infortunio alla caviglia e salterà il derby con la Lazio. Spalletti valuta diverse soluzioni, consapevole di quanto l’egiziano sarebbe stato importante per la stracittadina.

“Toccatemi tutto ma non Dzeko e Salah” avrà pensato Spalletti in questi giorni, godendosi l’asse Egitto-Bosnia che funziona a meraviglia. Peccato che per la partita più sentita nella capitale, il tecnico toscano dovrà fare a meno di uno dei due gioielli offensivi: Salah infatti non recupera dall’infortunio alla caviglia ed è costretto a saltare il match con la Lazio. Una brutta notizia per la Roma, che vedrà la sua freccia egiziana da 8 gol e 5 assist in campionato esclusa dal derby. E Spalletti ora deve scegliere tra le alternative. Sapendo però che sostituire Salah è alquanto problematico, soprattutto per le sortite in campo aperto.

VOGLIA DI RIVALSA

Restando in tema egiziano, Salah potrebbe essere sostituito dal rientrante Stephan El Shaarawy. Il “Faraone”, smaltito l’infortunio, è pronto per ritornare in campo, dopo essersi visto soffiare il posto della scorsa stagione da un ormai insostituibile Edin Dzeko. Stephan ha giocato interamente solo 3 partite, ma nelle sue 13 presenze complessive ha segnato 2 gol. Decisamente pochi per uno come lui.  El Shaarawy ha bisogno di ritrovare minuti e reti per riconquistare la fiducia di Spalletti; sempre che le sue condizioni siano ottimali per giocare una partita di tale caratura.

L’altra alternativa in quel ruolo sarebbe Juan Manuel Iturbe. L’argentino è ormai ai margini della rosa giallorossa e difficilmente riconquisterà il posto da titolare. Da grande acquisto dopo la straordinaria stagione di Verona, Iturbe è diventato un esubero per Spalletti, che lo ha schierato solo per 38 minuti in campionato, per un totale di 4 presenze. 4 volte su 5 invece da titolare in Europa League, ma non basta per convincere il tecnico ed i tifosi. E il derby, partita in cui ha anche già segnato nel 2015, potrebbe essere un’occasione di rilancio per lui.

Non è da escludere anche un possibile cambio di ruolo per Bruno Peres, che potrebbe andare a completare il tridente con Nainggolan e Perotti alle spalle di Dzeko. Ancora da valutare però l’11 di Spalletti, in cerca di una reazione quantomeno psicologica dopo la paura contro il Pescara.  Per conquistare la partita più sentita, in una capitale ultimamente davvero calda, non bisogna sbagliare davvero nulla.