SHARE
Fonte: profilo Twitter ufficiale Kashima Antlers (@atlrs_english)

MONDIALE PER CLUB KASHIMA ANTLERS – L’ultima delle grandi sorprese della competizione

Non è solo il ricorso alla VAR che segna l’importanza e la novità della semifinale del Mondiale per club. Il Kashima Antlers, società giapponese, è la prima squadra asiatica a disputare una finale di questa competizione. La vittoria per 3 a 0 contro l’Atletico Nacional consente ai giapponesi di giocarsi la finale. Una finale che assumerà grande valore e grane fascino per i calciatori del Kashima Antlers. Essere la prima squadra asiatica a giocare una finale del Mondiale per club avrà grande importante per i giapponesi ed il Giappone, paese ospitante della competizione. Sarà il nazionalismo a spingere e a guidare la squadra giapponesi e tutti i tifosi che accorreranno allo stadio per vedere i Kashima Antlers sfidare molto probabilmente una leggenda del calcio mondiale come il Real Madrid. Una nuova sorpresa dunque, si mette in mostra in un torneo che di sorprese ne ha sempre riservate. La prevedibilità del torneo, quasi sempre dominato dalle compagini europee, non esclude la possibilità di mettersi in mostra a squadre perlopiù sconosciute. Più volte ci siamo imbattuti in club con i nomi più disparati di cui non sapevamo neanche l’esistenza. Squadre che sono riuscite a dire la loro in un torneo molto spesso già scritto, e conquistarsi simpatia e notorietà.

L’Africa in cima al mondo

Lo stesso percorso seguito dal Kashima Antlers era stato fatto nel 2013 dal Raja Casablanca. La squadra africana, dopo aver battuto Auckland City ai playoff, Monterrey ed Atletico Minero, era arrivata a giocarsi la finale del Mondiale per club contro il Bayern Monaco. Una sorpresa dal momento che fu la seconda squadra africana a riuscire a giocare una finale del Mondiale per club. Prima del Raja Casablanca, infatti, ci era riuscito solamente il Mazembe. I corvi nel 2010 sconfissero il Pachuca e l’Internacional prima di giocarsi la finale contro l’Inter di Benitez da cui uscirono sconfitti per tre a zero.