SHARE
Saul Niguez
Saul Niguez (Foto: Facebook ufficiale - Atletico de Madrid)

La famiglia Niguez sale in cattedra – Saul, Aaron e Jonathan come i fratelli Mancosu.

Nell’ultima settimana Cristiano Ronaldo ha vinto il suo quarto pallone d’oro prima di alzare al cielo il Mondiale per Club da protagonista. Contemporaneamente in Italia gli ultimi sette giorni hanno visto un solo indiscusso protagonista: Dries Mertens. Il folletto del Napoli ha infatti prima realizzato una tripletta contro il Cagliari e poi calato il poker contro il Torino. sette gol in sette giorni che rappresentano forse l’impresa clou dell’ultima settimana. Il calcio però regala costantemente sorprese. L’ultima piccola-grande impresa arriva dalla famiglia Niguez. Un nucleo familiare che vede papà Josè Antonio, accomunato ai tre figli, Saul, Jonathan e Aaron da un’unica grande passione. Pane e soprattutto calcio. Così è cresciuta la famiglia Niguez. Partiamo dal capo-famiglia, Josè Antonio che in giovane età ha militato anche tra le fila dell’Elche. Calciatore modesto, ma tanto abile da trasmettere la sua più grande passione anche ai tre figli.

La famiglia Niguez

Saul, Aaron e Jony hanno seguito alla grande le orme del padre. Il più grande, Jonathan ha 31 anni e di mestiere fa il centrocampista. Milita tra le fila dell’Alcoyano, nella terza serie spagnola. E’ invece il Tenerife la casa calcistica di Aaron, centrocampista classe 1989 che ha giocato anche nell’ex squadra del padre. Il Niguez di ‘mezzo’ si destreggia quindi in Segunda Division. Saliamo infine in Liga dove con la maglia dell’Atletico Madrid troviamo il più giovane e talentuoso Saul. Il numero 8 dei ‘Colchoneros’ ad appena 22 anni ha già vinto Copa del Rey, Supercoppa di Spagna e Supercoppa UEFA da protagonista.

Il fine settimana dei sogni

Una famiglia cresciuta quindi con il pallone nel sangue che nell’ultimo fine settimana ha vissuto la due giorni più bella possibile. Saul, Aaron e Jony, sono infatti andati a segno tutti e tre nello stesso week end con le rispettive squadre mandando in estasi papà Josè Antonio. Las Palmas, Alcoron e Atletico Baleares le tre vittime dei fratelli Niguez che eguagliano i fratelli Mancosu (Matteo, Marco e Marcello) che timbrarono il cartellino nello stesso giorno con le maglie del Trapani, del Benevento e del Pavia.

SHARE