Niente Boxing Day per Vardy: la protesta del Leicester

Niente Boxing Day per Vardy: la protesta del Leicester

Vardy squalificato al Boxing Day, la geniale protesta del Leicester

Il Boxing Day rappresenta un vero culto per il calcio inglese. Mentre tutta l’Europa calcistica si ferma, in Premier League si scende in campo il giorno di Santo Stefano. Ogni anno i tifosi di tutta l’Inghilterra  popolano le tribune, festeggiando il Natale sostenendo i propri beniamini. Ma cosa accade se l’uomo simbolo è costretto a saltare il Boxing Day? Ecco la singolare protesta del Leicester.

Siamo tutti Jamie Vardy

Il primo Boxing Day da campioni in casa Leicester è stato in parte rovinato da una squalifica. Jamie Vardy, bomber e cuore della squadra, è stato espulso contro lo Stoke lo scorso 17 dicembre. L’attaccante di Sheffield sta scontando una lunga squalifica di tre turni, che lo ha costretto a saltare il match contro l’Everton. Dopo il ricorso, respinto dalla FA, la società ha messo in scena una geniale e unica protesta. Sugli spalti del King Power Stadium sono state distribuite 30mila maschera raffiguranti il volto di Vardy.

Ecco lo stesso Jamie Vardy indossare la sua maschera in tribuna [email protected]

Alla vigilia, l’amarezza in conferenza stampa di Claudio Ranieri: “Tutti in Inghilterra e nel mondo hanno visto quell’intervento e hanno detto che non era fallo. Abbiamo fatto ricorso perché credevamo fosse giusto e siamo delusi dall’esito. Quando commettiamo degli errori o quando i miei giocatori sbagliano, non facciamo ricorso. Vardy ha preso la palla. Qui siamo tutti molto sorpresi. Non sono arrabbiato ma sono triste per il calcio. Comunque, l’anno scorso abbiamo affrontato lo Swansea senza di lui e abbiamo fatto 4 gol”.