SHARE
De Sciglio
De Sciglio conferenza (Foto: Twitter ufficiale Nazionale Italiana @VivoAzzurro)

De Sciglio-Juventus, una voce di mercato che gira da diversi mesi. A fare luce sul proprio futuro è proprio il diretto interessato.

Doveva essere l’uomo da cui ripartire per un futuro luminoso, ma le ultime stagioni hanno portato più di una volta Mattia De Sciglio ad un passo dall’addio al Milan. Dal Real Madrid al Napoli, passando per la Juventus del suo mentore Allegri. Il terzino azzurro però sembra avere le idee chiare sul suo futuro, come si evince dalle sue dichiarazioni alla Gazzetta dello Sport.

IL SOGNO

De Sciglio non ha dubbi, il suo sogno è quello di diventare capitano del Milan. Il perfetto coronamento di una carriera che lo ha visto passare per tutte le giovanili rossonere. Un’ebbrezza già provata pochi giorni fa in Qatar, quando ha ereditato la fascia al momento dell’uscita dal campo di Abate.

Mi piacerebbe molto diventare capitano. La fascia l’ho già indossata nelle giovanili, è bello ed è una grossa responsabilità. In Qatar è stata una sensazione magnifica. E poi essere il capitano della squadra per cui hai sempre tifato è il massimo.

LA RICOSTRUZIONE

Se in passato De Sciglio è stato davvero vicino a lasciare il Milan, destinazione Juventus, proprio la vittoria contro i bianconeri in Supercoppa sembra avergli dato la spinta decisiva per rimanere nel club che lo ha lanciato. Il progetto giovani sembra essere la giusta strada per tornare in alto.

Siamo un bel gruppo di giovani, italiani e non solo italiani. E’ qualcosa di molto bello e particolare, anche guardando le altre squadre. Con ragazzi di questa età il Milan è a posto per i prossimi 15 anni. Anche di più. Il Milan può e deve ripartire da questa base”.

De Sciglio pare dunque destinato a rimanere a Milano, anche oltre la data di scadenza del suo contratto (2018). Con buona pace di Allegri e della Juventus.

In questo momento, ma era così anche in estate, sono concentrato su questa maglia. Se inizi a farti distrarre dalle voci, poi rischi di perdere la concentrazione in campo. Sto bene al Milan, l’atmosfera è bella. Quanto al rinnovo, ne devo parlare con la società, ancora non si è affrontato il discorso, nemmeno col mio procuratore. Lo faremo con molta tranquillità.