SHARE
Axel Witsel

Cina stipendi calciatori – L’amministratore generale dello sport cinese ha annunciato un giro di vite agli stipendi dei calciatori.

Le spese folli dalla Cina hanno sconvolto questo mercato invernale. Dopo l’approdo di Graziano Pellé in estate, questo gennaio è stato il turno di Carlitos Tevez, divenuto il calciatore più pagato al mondo, e di Axel Witsel, promesso sposo della Juventus che non ha resistito al richiamo di un ingaggio quadruplo rispetto a quanto proposto dai bianconeri. La situazione in Cina non è tuttavia rose e fiori, con l’amministratore generale dello sport cinese che ha annunciato provvedimenti a seguito delle spese folli di alcuni club: “Sarà introdotto un tetto ai salari e ai costi dei cartellini per controllare gli investimenti irrazionali. Sarà introdotta una supervisione delle finanze dei club per contenere i prezzi dei giocatori all’interno di un limite razionale. Sono emerse alcune questioni e hanno generato un’attenzione diffusa, soprattutto per quanto riguarda gli acquisti di giocatori dall’estero, con club che hanno bruciato soldi e giocatori stranieri che hanno ingaggi eccessivi. Combatteremo il comportamento irregolare per quanto riguarda le spese dei trasferimenti e dei contratti sottobanco. Chi violerà le norme sarà severamente punito”. Il salary cap, misura necessaria vista l’assurdo mole di denaro offerta ai calciatori dal mercato calcistico cinese, potrebbe causare una repentina perdita di appeal per un campionato già non molto attrattivo. Basti ricordare le visite con toccata e fuga da parte di Alessandro Diamanti ed Alberto Gilardino, ingolositi dai milioni cinesi e tornati presto in patria.

La notizia relativa all’ingaggio di Tevez ha fatto il giro del mondo: 38 milioni di euro annui, equivalenti a circa 100.000 euro al giorno, una cifra assurda anche per paperoni del calcio come Cristiano Ronaldo e Messi, i più talentuosi e pagati fra i loro colleghi. Se il salary cap dovesse divenire realtà in tempi brevi l’esodo dal campionato sarebbe uno scenario, se non probabile, quantomeno possibile.