SHARE
Frank De Boer, Inter - Serie A 2016/17 fonte: FC Internazionale
Frank De Boer, Inter - Serie A 2016/17 fonte: FC Internazionale

Esonero De Boer – L’ex allenatore dell’Inter racconta il periodo immediatamente successivo al suo allontanamento.

Non è stato un periodo felice quello immediatamente successivo all’esonero per Frank De Boer. Nonostante le molteplici incomprensioni con l’ambiente e i risultati arrivati a singhiozzo l’olandese era profondamente convinto del suo lavoro, nutrendo grande stima nel suo gruppo. Per questo ha deciso di assumersi le sue responsabilità nelle dichiarazioni rilasciate durante un’intervista a Fox Sports. Profonda autocritica per De Boer, che non rinnega il suo lavoro: “Ho deluso gli uomini che hanno intrapreso questo viaggio con me. È così che lo sento. L’allenatore guadagna di più e riceve la maggior parte degli onori ma gli assistenti danno tutto per lui. E poi dopo 85 giorni devi fare i bagagli. È una seccatura, per esempio aver traslocato, cambiato la casa… Questo mi intristisce davvero”. Non sono bastati i gol di Icardi: la squadra ha dimostrato più volte difficoltà nel trovare i giusti automatismi e, nonostante la bella vittoria contro la Juventus, non si è mostrata unita agli occhi di dirigenza e tifosi, con i primi che hanno deciso per l’esonero dopo meno di tre mesi. Una soluzione non approvata dal fratello Ronald, che l’ha difeso a spada tratta: “”Ha trovato grosse difficoltà. Ci sono molti fattori extra campo che hanno influenzato il rendimento: fattori politici, la grande pressione dei media e la vicenda tra Icardi e la Curva”.

Arrivato a pochi giorni dall’inizio del campionato per sostituire lo scontento Mancini, De Boer ha trovato molte barriere, fra cui quella linguistica. Ma non per questo ha deciso di tuffarsi immediatamente in nuove avventure, nonostante le offerte non mancassero: “Due giorni dopo il mio esonero, qualche club aveva già contattato il mio agente. In quel momento però non avevo nessuna voglia. Molte squadre si sono fatte avanti, ma l’Inter è un club di caratura internazionale e una grande società”.