SHARE
Foto LaPresse - Spada 23 agosto 2015 Milano ( Italia) Sport Calcio Fc Inter - Atalanta Campionato di Calcio Serie A TIM 2015 2016 - Stadio "S.Siro , Meazza " Nella foto: kondogbia Photo LaPresse - Spada 23 August 2015 Milan ( Italy) Sport Soccer Fc Inter - Atalanta Italian Football Championship League A TIM 2015 2016 - " Mezza , S.Siro " Stadium In the pic: kondogbia

Calciomercato Inter – La società nerazzurra è pronta a sacrificare Kondogbia per arrivare ad un altro centrocampista.

In casa Inter ci si appresta a vivere una settimana intensa e particolarmente decisiva per le sorti del mercato invernale. Sia in chiave di arrivi che in quella di partenze.

Infatti oltre all’incontro con il patron dell’Atalanta Percassi e l’entourage di Gagliardini, in cui si dovrebbero definire tutti i dettagli per l’arrivo a Milano del giovane centrocampista azzurro, è previsto anche un summit con lo staff di Geoffrey Kondogbia.

All’interno del quale verrà comunicato al francese se può ancora considerarsi forte della fiducia societaria oppure se dovrà iniziare a guardarsi intorno, alla ricerca di una nuova avventura. Fonti vicine all’ambiente nerazzurro affermano che la società propenda per questa seconda opzione e che Pioli abbia già individuato in Luiz Gustavo il possibile erede del lungagnone francese.

Da nuovo Pogba alla dura realtà

Il suo arrivo a Milano era stato accolto con squilli di tromba e grandi fanfare, tifosi in festa e giornalisti inneggianti all’affare. Negli occhi di tutti c’era un giocatore dalle caratteristiche fisiche simili e della stessa nazionalità, per cui l’accostamento è nato spontaneo. Kondogbia è il nuovo Pogba.

Un errore comune tra la stampa e la tifoseria italiana: quello di accostare nuovi calciatori con miti del passato o stelle del presente, alla continua ricerca dell’emulazione del campione. Un macigno sulle spalle del “nuovo che avanza”, che talvolta non riesce a sopportarne l’estenuante peso. Se poi ci aggiungi pure i 40 milioni sborsati per accaparrarsi il centrocampista dal club monegasco, la pressione su Kondogbia ha raggiunto picchi altissimi.

Il confronto con Pogba, poi, racchiudeva in sé un grande fraintendimento. Cioè quello che i tifosi nerazzurri da Kondogbia si sarebbero dovuti aspettare le sfavillanti giocate offensive dell’ex numero 10 bianconero. Giocate che non sono nelle corde dell’ex Monaco, semplicemente per il motivo che Kondo è un centrocampista difensivo, più in grado di distruggere la manovra avversaria che di finalizzare quella offensiva. E così si è passati presto dal “nuovo Pogba” alla dura realtà.

Kondogva e Luiz Gustavo viene

Le prestazioni del mediano francese, vittima del fraintendimento mediatico che lo ha accompagnato e di una cattiva gestione del collettivo da parte di Mancini e di De Boer, sono risultate sottotono e inferiori alle aspettative. L’Inter lo ha aspettato e rispettato, ma pare che la fiducia in lui si sia definitivamente incrinata. Il futuro di Kondogbia sembra prendere le distanze dal club di Corso Vittorio Emanuele, con le sirene cinesi che non smettono di cantare per irretire pure il centrocampista in maglia numero 7 nerazzurra. Intanto Pioli ha espresso la sua preferenza per il sostituto di Kondo, individuando nel profilo di Luiz Gustavo l’uomo giusto.

Il Wolfsburg negli scorsi giorni sembra abbia aperto uno spiraglio per un prestito con diritto di riscatto nei confronti del club milanese, che si assicurerebbe in questo modo di un uomo di esperienza per il proprio centrocampo che potrebbe essere quindi completamente rivoluzionato con il mercato di riparazione. Per quanto riguarda Kondogbia, la parola d’ordine è nessuna minusvalenza, per cui le prossime settimane in casa Inter saranno molto delicate.

di Riccardo Meloni