SHARE

Sarri Napoli-Sampdoria – Il tecnico azzurro ha parlato in conferenza stampa a 360°, presentando la sfida di domani contro i blucerchiati.

Napoli-Sampdoria aprirà il 2017 degli azzurri di Maurizio Sarri che domani sera torneranno in campo al San Paolo per l’anticipo serale della 19esima giornata di Serie A. Poco fa è terminata la conferenza stampa di vigilia dell’ex tecnico dell’Empoli che ha presentato la sfida ai blucerchiati in ogni sua sfaccettatura. Il primo confronto interessante è quello con Marco Giampaolo, tecnico molto stimato dallo stesso Sarri: “E’ la sfida tra Napoli e Sampdoria, non credo molto ai confronti tra gli allenatori. E’ una squadra che gioca a calcio, ha qualità, pericolosità offensiva notevole e organizzazione difensiva buona. Quindi sarà una gara difficile, contro un allenatore che ha idee e che io ho sempre stimato molto“.

Problemi di formazione

In vista di Napoli-Sampdoria, Sarri dovrà fare a meno di Koulibaly, Ghoulam, Albiol e probabilmente anche Chiriches. In dubbio anche Hysaj dopo gli ultimi giorni di influenza. Una vera e propria emergenza difesa per l’ex allenatore dell’Empoli: “n questi giorni abbiamo lavorato molto, forse anche troppo ma era una cosa inevitabile. Vedremo domani come starà la squadra e poi faremo le nostre valutazioni definitive sulla formazione da schierare. Su Chiriches non so ancora, è rientrato ieri in gruppo. Le sensazioni sono positive ma ci sarà da aspettare. Dobbiamo fare i conti con le assenze ma abbiamo comunque i ragazzi giusti per affrontare questo problema. bbiamo preso 6 gol in due partite, quindi se cambiamo qualcosa non ci preoccupa più di tanto (ride, ndr), ma è chiaro che per i centrali è importante avere continuità. Vediamo se recuperiamo Chiriches, altrimenti andiamo con altre soluzioni”.

Le alternative

Maksimovic ha fatto fatica in questo primo scorcio di stagione mentre Tonelli non è mai sceso in campo. Domani però potrebbe toccare a loro: “Maksimovic ha dovuto cambiare modo di pensare al suo ruolo e non è mai facile. Abbiamo avuto del tempo per lavorare, quello che deve fare è pensare alla palla e non all’avversario. E’ molto più facile per un centrocampista o un attaccante inserirsi nei meccanismi di una squadra, forse questo è un mio limite ma chi viene al Napoli si deve adeguare ad un certo modo di difendere. Tonelli tatticamente ha meno difficoltà, ma viene da una situazione non semplice, è stato fuori tutta l’estate fino a settembre, si allena con noi e sembra in salute ed in crescita. Se gli ho fatto fare 110 partite può darsi gli faccia fare anche la 111esima”.

Le vacanze di Sarri

Il Real Madrid è ancora lontano nella testa di Sarri che al momento pensa solo a Napoli-Sampdoria: “Se iniziamo a pensare al Real con un mese d’anticipo è un problema. Io sono concentrato solo sulla Sampdoria. Nel corso delle vacanze ho visto solo 6/7 partite della Samp e 3/4 dello Spezia. Affrontare il Real sarà emozionante ma adesso non ci penso”.

Il desiderio di Sarri

Sarri ha quindi analizzato con lucidità anche i difetti della propria squadra: “Spesso abbiamo fatto grandi prestazioni che non hanno portato quanto meritato. Abbiamo perso per strada dei punti ed è questo un limite in fatto di mentalità che dobbiamo superare, solo così faremo il salto di qualità. Non mi piace vedere la mia squadra prendere goal dal nulla, senza soffrire minimamente l’avversario. Quando questo accade vuol dire che ci sono stati dei cali di concentrazione e non deve accadere”.

Il nuovo acquisto

Inevitabile chiaramente anche una domanda su Pavoletti: “Non si sta ancora allenando con il gruppo, viene da un infortunio e serve calma con lui. Di certo parliamo di un giocatore che può darci una mano perchè ha caratteristiche diverse rispetto agli altri attaccanti in rosa. Non so se verrà convocato. Vediamo oggi se si allena con il gruppo”.

SHARE