SHARE
Fiorentina-Chievo - Twitter, @ACChievoVerona
Fiorentina-Chievo, Bernardeschi fronteggia Castro - FOTO: Twitter @ACChievoVerona

Fiorentina-Chievo – Il quadro degli ottavi di finale di Coppa Italia è proseguito oggi con il match del ‘Franchi’. Ieri era stata la volta di Napoli-Spezia.

A Firenze scendono in campo in gara secca i viola, reduci dal match non giocato col Pescara per maltempo, ed i gialloblu. Quest’ultimi reduci dalla sonora scoppola interna contro l’Atalanta per 4-1. Formazioni con diverse seconde linee, in particolar modo quella ospite. Sousa invece preferisce mantenere diversi titolari o “presunti tali” come Kalinic, Chiesa e Zarate accanto ad altri elementi mai in discussione come Bernardeschi e Tatarusanu. Rolando Maran di contro rispolvera i vari De Guzman, Inglese e Floro Flores. In mediana dentro Bastien e Radovanovic.

IL MATCH

Nel primo tempo è il Chievo a farsi preferire per intensità di gioco. Gli scaligeri creano due ottime occasioni con i suoi due attaccanti poco dopo il quarto d’ora. In entrambe le volte è la mira a fare difetto per poco. La Fiorentina si aggrappa per lo più al talento di Bernardeschi. Quando può, anche Federico Chiesa prova ad offrire degli interessanti spunti in velocità. Non pervenuto Kalinic, cercato in questi giorni dai cinesi che offrono una cascata di milioni. La gara del croato non è stata buona. In campo la partita conosce una svolta nel recupero del primo tempo. Il serbo Radovanovic viene espulso per doppia ammonizione per due falli. Il primo su Kalinic, il secondo, molto ingenuo, su Tomovic lanciato in velocità. Sulla punizione susseguente, clamorosa la traversa di Bernardeschi dal vertice destro dell’area clivense. E si va a riposo con questo bel tentativo a giro.

Secondo tempo combattuto

Nella ripresa è arrembante la manovra della Fiorentina, la quale cerca di approfittare dell’uomo in più. Il Chievo risponde inserendo l’ex Gamberini per Floro Flores, con Maran che pensa soprattutto a difendersi. I viola trovano un altro legno, con il palo colpito da De Maio su bella giocata di Chiesa. Il successivo rimpallo viene spedito alto da Kalinic da ottima posizione. Il Chievo deve giocoforza subire l’iniziativa dei toscani e prova ad agire sporadicamente di rimessa.

Svolta all’ultimo respiro

La squadra di Sousa aumenta la pressione ma a volte deve concedersi delle pause. E’ in questi frangenti che i veneti tentano di riorganizzarsi in ripartenza. La gara si incattivisce e nella ripresa fioccano le ammonizioni, fino anche all’espulsione diretta per Zarate. L’argentino stende da dietro Bastien. Al 75′ grande parata di Tatarusanu su colpo di testa di Castro. Nel finale cambi in vista dei tempi supplementari nel finale di match (dentro Cristoforo, Ilicic e Borja Valero da una parte, Meggiorini e Birsa dall’altra).

La svolta giunge però in pieno recupero. Gobbi affossa Bernardeschi nella propria area, è rigore. Il talento gigliato al 92′ va a bersaglio dagli undici metri e regala alla Fiorentina i quarti di finale di Coppa Italia contro il Napoli.

 

FIORENTINA-CHIEVO 1-0 TABELLINO

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Tomovic, Sanchez, De Maio; Chiesa (89′ Borja Valero), Vecino, Badelj (77′ Cristoforo), Olivera (78′ Ilicic); Zarate, Bernardeschi; Kalinic.
A disp.: Lezzerini, Diks, Hagi, Milic, Salcedo, Satalino, Toledo, Tello, Babacar
All. Paulo Sousa

CHIEVO (4-3-1-2-): Sorrentino; Izco, Spolli, Cesar, Gobbi; Bastien, Radovanovic, Castro (83′ Birsa); De Guzman; Floro Flores (46′ Gamberini), Inglese (78′ Meggiorini).
A disp.: Bressan, Confente, Costa, Dainelli, Depaolo, Frey, Kiyine, Vignato, Pellissier
All. Maran

MARCATORI: 92′ rig. Bernardeschi
AMMONITI: Tomnovic, Vecino, Badelj (F), Radovanovic x2, Castro, Gobbi (C)
ESPULSI: Zarate (F), Radovanovic (C)