SHARE
Hebei Fortune
Hebei Fortune - FOTO: blogcalciocina

Hebei Fortune calciomercato – Il club cinese si rende protagonista di un singolare colpo di mercato.

Il calciomercato di gennaio ovviamente non si svolge soltanto nei campionato Europei ma anche in altre realtà. Quella cinese, ad esempio, sta facendosi spazio sempre più a suon di milioni, andando a pescare giocatori di alto livello anche dai campionati più importanti. Grandi manovre dunque anche nella Chinese Super League: tra le protagoniste c’è anche l’Hebei Fortune, squadra di Qinhuangdao che vanta in rosa due ex conoscenze del calcio italiano come Gervinho e Lavezzi. Dopo un tentativo per prendere James Rodriguez, rifiutato praticamente subito, il club ha provato a sedurre Kondogbia ma è difficile che l’Inter si privi del giocatore a questo punto della stagione. Nonostante i rifiuti, per il club è arrivato comunque il primo colpo, anche se di tono e blasone decisamente minore.
L’Hebei ha infatti acquistato l’attaccante Chengdong Zhang dal Beijing Guoan. Una punta sconosciuta ai più, che ha fatto una comparsata in Europa qualche anno fa, precisamente in Spagna, dove ha giocato per 220′ con il Rayo Vallecano. Un acquisto che in Cina è stato salutato con fervore, anche perché questa operazione di mercato è entrata di diritto nella storia del campionato.

Follia del mercato

Zhang è diventato infatti il calciatore più pagato nella storia della Cina. L’Hebei Fortune ha infatti speso ben 20,44 milioni di euro per comprare il ragazzo, che quindi ha ora superato i difensori Yangyang Jin e Jinhao Bi, che furono pagati 10 milioni a testa, come riporta Transfermarkt.

La vera sorpresa non è neanche il prezzo, di per sé esorbitante e decisamente inflazionato, del calciatore. Bensì il fatto che Zhang non abbia proprio una media realizzativa da fuoriclasse: il ventisettenne, infatti, non segna addirittura da due anni. L’ultimo gol risale infatti al 17 maggio del 2014, a distanza di 971 giorni. Chissà che ora Zhang non finisca per svegliarsi dal torpore, anche solo per giustificare il prezzo del suo cartellino.