SHARE
Michele Paolucci
Michele Paolucci - FOTO: newcatania.com

Paolucci Lega Pro – Dopo aver “assaggiato” il grande calcio con la maglia della Juventus, l’attaccante ripartirà da un club della terza divisione nostrana.

Il calcio pullula di storie riguardanti promesse non mantenute, giocatori che avrebbero dovuto spaccare tutto e che invece si sono dovuti accontentare di una carriera modesta e senza grossi picchi positivi. In un’ipotetica lista di giocatori simili ha molte possibilità di rientrare Michele Paolucci. Professione attaccante, classe 1986, Paolucci ha giocato con moltissime squadre in carriera: Ascoli, Udinese, Atalanta, Catania – in due occasioni diverse -, Siena, Palermo, Vicenza – club nel quale ha avuto la sua migliore stagione -, Latina, Petrolul Ploiesti. Soprattutto, Paolucci è cresciuto nelle giovanili della Juventus, giocandoci anche in uno dei momenti meno fortunati della storia bianconera.
Nel mercato di gennaio della stagione 2009-2010 la Juventus lo riprende dal Siena per rinforzare il parco attaccanti. Fino ad allora, il ragazzo aveva mostrato numeri altalenanti in zona gol ma veniva comunque reputato un prospetto interessante. Nella prima gara esordisce in Coppa Italia al fianco di Del Piero. Poi arriveranno soltanto altre quattro presenze, senza reti, con il conseguente addio definitivo al sogno Juve. In generale, la carriera di Paolucci non decollerà mai, svolgendosi sempre nelle serie minori. Dopo l’esperienza in Romania, però, il calciatore ha deciso di tornare in Italia.

Ripartire dal basso

Paolucci è stato infatti ingaggiato dall’Ancona, club di Lega Pro ricordato anche per via di una stagione colma di record negativi in Serie A nel 2003-2004. La squadra ha ingaggiato il giocatore con un accordo biennale, presentandolo giustamente come un colpo di tutto rispetto per via dell’esperienza accumulata dal calciatore in questi anni in Italia e all’estero.

Così, a 31 anni, Paolucci cerca gli ultimi acuti della carriera in terra marchigiana. Chissà che proprio questa rinascita non possa coincidere con un ritorno stabile al gol da parte dell’attaccante di Recanati.