SHARE

PAYET WEST HAM CESSIONE- Il giocatore francese continua a spingere per la cessione ma i compagni di squadra non la prendono bene.

La querelle tra Dimitri Payet ed il West Ham non sembra interrompersi in alcun modo. Il talentuoso francese ha da tempo l’accordo con il Marsiglia e spinge per tornare in patria, ma gli inglesi non ne vogliono sapere e senza una valutazione valida non hanno intenzione di cedere a ricatti. Ricatti che Payet ha esternato alla luce del sole, minacciando addirittura di infortunarsi da solo in caso di mancata cessione. La situazione diventa sempre più delicata e per entrambe le parti si preannuncia un inverno più freddo del previsto. Il braccio di ferro al momento non ha vincitori ed ora come ora ci stanno perdendo tutti: Payet non gioca ed il West Ham non sta né sfruttando il talento del francese, né tanto meno incassando sterline monetizzando una sua cessione.

Tu, sei fuori!

Il comportamento di Payet non sta di certo conquistando il supporto dei suoi compagni di squadra. Il totale disinteresse per il club ed i desideri egoistici del nazionale francese hanno indispettito l’intero spogliatoio, con in testa il capitano Mark Noble. Il centrocampista ha in primis contestato apertamente l’atteggiamento del compagno e poi appoggiato fortemente le decisioni del gruppo prese nella giornata di oggi. Payet è stato infatti invitato a non partecipare alla cena di squadra poiché “ospite non gradito” ed inoltre è stato cancellato dal gruppo Whatsapp gestito dall’ex doriano Pedro Obiang.

C’è poco da fare, Dimitri Payet è sempre più solo nella capitale inglese e, se davvero la cessione tanto agognata dovesse effettivamente saltare, il presente ed il futuro del calciatore che solo pochi mesi fa veniva acclamato come una delle stelle del football mondiale potrebbero improvvisamente subire un arresto piuttosto drastico. Va bene scegliere di cambiare aria, ma ci sono modi e modi, nel rispetto del club e soprattutto dei compagni. In questo caso il gruppo non ha fatto sconti visto che, come si suol dire, “chi semina vento, raccoglie tempesta”.

 

SHARE