SHARE
N'Golo Kanté, Chelsea-Arsenal
N'Golo Kanté, Chelsea-Arsenal - Fonte: Chelsea FC Twitter

Chelsea Premier League – Kanté è il pezzo pregiato del centrocampo di Conte.

Ha messo a segno oltre 50 tackle decisivi in tutta la stagione e sabato è stato tra i protagonisti del derby di Londra Chelsea-Arsenal stravinto dalla ciurma di Antonio Conte. N’Golo Kanté è il vero pezzo insostituibile della mediana dell’ex CT dell’Italia. Sostanza e carisma a profusione per il giovane francese classe 1991, anche se il titolo più giusto sarebbe: “uomo dell’equilibrio”. Wenger, una volta raccolti i “cocci” sul manto di Stamford Bridge, ha reso onore alla bella prova del mediano transalpino, riconoscendo come lui stesso l’avesse cercato in estate per il suo Arsenal.

Appena un anno fa, i Gunners avevano tentato l’approccio diretto con il Leicester in combinata con Jamie Vardy, salvo poi doversi ritirare al momento dell’offerta. Le casse dell’Arsenal non era più così floride dopo l’intreccio di mercato con il Borussia Monchengladbach per Grenier Xhaka, costato ben 35 milioni di sterline. Un’opportunità d’oro per Roman Abromovich che, in men che non si dica, si è accaparrato il giocatore per 30 milioni e un lauto ingaggio di 150mila sterline mensile, offerta ben più allettante di quella avanzata dal club di Wenger (indiscrezioni parlano di 80mila £ al mese).

Kanté, le altre offerte rifiutate

Anche il Tottenham si era fatto avanti per Kanté. Il tempo risicato per le trattative e le spese troppo alte hanno però fatto desistere gli Spurs, già in contatto da par loro con Victor Wanyama del Southampton. Di tutt’altro spessore invece quanto accaduto a Manchester, sponda United. Nell’estate del 2015, i Red Devils erano stati indirizzati da Van Gaal proprio sul giocatore, ai tempi in rotta con il Caen, che di lì a poco chiuse con le Foxes di Ranieri. A fine stagione scorsa invece, Mourinho ha deciso di puntare direttamente Pogba senza perdere tempo a monitorare altri profili.

Chi invece è andato vicinissimo ad acquistare il ragazzone di parigino è stato il Paris Saint Germain. Lo Sceicco Nasser Ghanim Al-Khelaïfi aveva messo sul piatto un ingaggio di livello assoluto: quasi 100mila sterline al mese, secondo solo ai petrolrubli del magnate di Gazprom.

Stefano Mastini