Juventus-Inter, polemica senza fine: l’ultima bordata arriva da John Elkann

Juventus-Inter, polemica senza fine: l’ultima bordata arriva da John Elkann

Juventus-Inter – E’ passata quasi una settimana dall’ultimo, chiacchieratissimo, Juventus-Inter, ma le polemiche non accennano a fermarsi. L’ultima stoccata all’Inter arriva da John Elkann.

Il derby d’Italia è una partita che storicamente lascia alle proprie spalle svariate polemiche e discussioni. La rivalitù tra Juventus ed Inter trascende l’aspetto sportivo e si infiltra ovunque, persino nella vita quotidiana dei tifosi, disposti persino ad evadere dai domiciliari per assistere alla partita. L’ultimo Juventus-Inter è in tal senso uno dei match più chiacchierati degli ultimi anni. A quasi una settimana dal fischio finale della partita, le polemiche cominciate nell’immediato post match non si sono ancora placate.

Dalle squalifiche di Icardi e Perisic ai tweet incriminati della famiglia Kondogbia, l’ultimo a tornare sulla partita è stato John Elkann, a margine dell’inaugurazione della mostra a Palazzo Madama per i 50 anni del quotidiano ‘La Stampa’. Il presidente di FCA non è andato per il sottile nel giudicare le reazioni ed i commenti di tifosi e addetti ai lavori nerazzurri. Una vera e propria stoccata, destinata ad alimentare le polemiche e alla quale è lecito aspettarsi che qualcuno dell’ambiente interista risponderà a tono.

E’ abbastanza stupefacente che l’Inter non abbia ancora imparato a perdere, dovrebbero essere abituati. Mi spiace che si debbano creare polemiche. E’ stata una bella partita in cui la Juventus ha meritato di vincere giocando meglio, ma dove è stato bellissimo anche vedere l’Inter giocare bene. E’ importante capire bene ciò che succede in campo, ma anche riconoscere quando c’è un elemento di sportività.

John Elkann ha voluto commentare anche le recenti polemiche che si sono abbattute sulla Juventus e sul suo tifo organizzato. Così ha parlato delle indagini sulla presunta infiltrazione della criminalità organizzata nella curva della Juve.

C’è collaborazione e non siamo preoccupati. Vogliamo fare chiarezza su questi temi, vedremo come andrà avanti la cosa.