Allegri, la solidità difensiva e la frecciata alla Roma

Allegri, la solidità difensiva e la frecciata alla Roma

Allegri Juventus – Il tecnico bianconero parla dopo la vittoria contro il Cagliari.

Altra vittoria e altro passo verso lo Scudetto per la Juventus. Massimiliano Allegri, intercettato da Premium Sport subito dopo la vittoriosa trasferta in terra sarda contro il Cagliari, non può che essere soddisfatto della prestazione dei suoi giocatori.
Una Juventus che incute terrore agli avversari? “Non credo, il Cagliari oggi ci ha creato pericoli. Loro son stati aggressivi e noi abbiamo perso qualche pallone di troppo, poi siamo stati bravi a sbloccarla ma potevamo fare meglio nel palleggio. Dovevamo fare il terzo gol”. Per Allegri ci sono tanti numeri su cui riflettere, tutti positivi, ma “si può ancora migliorare, nel palleggio e nel passaggio. Soprattutto non dobbiamo staccare la spina come fatto oggi, altrimenti le partite si complicano. Per esempio la Roma qui vinceva 2-0 e poi ha pareggiato…Il fatto che non prendiamo gol sicuramente è un buon segno”.

Nessuna dipendenza

Il contratto con la Juve non è un problema: “Non mi va di parlare di questa cosa. Mi rendo conto che chiuso il mercato dei giocatori c’è solo quello degli allenatori ma a me interessa solo finire la stagione centrando gli obiettivi“. La Juventus sembra stare bene fisicamente: “Bisogna solo non abbassare la concentrazione, perché quello ti può fregare. Oggi abbiamo concesso qualcosa che potevamo evitare. Ma questo fa parte del percorso, abbiamo giocato 7-8 partite di spessore, con due turni di Coppa Italia molto difficili, questo influisce”. Higuain oggi ha segnato due reti, la Juventus però secondo Allegri non dipende da lui: “Con questo sistema di gioco è più centrale, più a suo agio. Ma anche gli altri hanno avuto tante occasioni, come Dybala e Mandzukic”.

Una battuta su Pjaca, che potrebbe beneficiare di un’assenza nel reparto offensivo nella prossima gara: “Mandzukic per il Palermo è squalificato, quindi vedremo se giocherà o meno. Ma ci penseremo da martedì, dopo il giorno di riposo”. Sempre importante non prendere reti: “Così si acquistano più certezze ed è più facile vincere. Il gol preso rende la gara diversa, ma in questo momento stiamo difendendo bene”