Pescara, Sebastiani vuota il sacco: gli errori e il futuro di Oddo

Pescara, Sebastiani vuota il sacco: gli errori e il futuro di Oddo

Pescara Oddo – Il patron abruzzese, Sebastiani ha provato a fare chiarezza sulla stagione della squadra.

Ancora un KO per il Pescara di Massimo Oddo che per la diciassettesima volta in stagione esce dal terreno di gioco a mani totalmente vuote. Nuovamente una casella zero per quanto riguarda i punti fatti in casa pescarese, in virtù del pesantissimo 5-3 di Torino. Punteggio mai in bilico e gara già in cassaforte dopo circa un quarto d’ora con un terrificante passivo di 0-3 in favore dei granata padroni di casa. Sono appena 9 i punti collezionati dagli abruzzesi ormai virtualmente quasi retrocessi e soprattutto mai vittoriosi in questo campionato sul terreno di gioco. Una sola vittoria stagionale ad inizio torneo rimediata però a tavolino. Intanto tra gli altri sul banco degli imputati ci finisce anche Massimo Oddo insieme ad una rosa forse non proprio all’altezza dell’arduo compito.

Il futuro e gli errori

Al termine di Torino-Pescara il club abruzzese ha indetto il silenzio stampa. Ha parlato però la dirigenza pescarese. Il patron Sebastiani ha provato infatti a fare chiarezza anche sul futuro di Oddo a Pescara intervenendo ai microfoni di Rete8 Sport: “Penso che quando succedono queste cose le responsabilità le hanno tutti, non è solo l’allenatore. Dobbiamo riflettere. Non è una questione di rischiare il posto o no. Stiamo parlando di persone con coscienze e attributi. Vedendo il primo tempo di oggi viene da pensare che abbiamo sopravvalutato la rosa a disposizione. Con Oddo ci siamo sempre seduti insieme per parlare delle nostre problematiche. Abbiamo sempre lavorato insieme e faremo sempre così. Faremo delle riflessioni tra oggi e domani“.

Riflessione

A ribadire il concetto ci ha poi pensato il direttore sportivo Luca Leone in mixed zone: “Oggi siamo tutti molto arrabbiati perché si può perdere ma non in questo modo. Adesso rifletteremo sulle nostre responsabilità perché la partita contro il Torino era già finita dopo 20 minuti e così non va affatto bene. Le partite non possono essere affrontate in questo modo”.