Pioli difende Palacio e non vuole tifare Milan

Pioli difende Palacio e non vuole tifare Milan

Pioli Inter Empoli – L’allenatore nerazzurro parla dopo la sfida vinta contro i toscani oggi a San Siro.

Il tecnico dell’Inter Stefano Pioli ha parlato ai microfoni di Premium Sport dopo la vittoria abbastanza agevole ottenuta ai danni dell’Empoli a San Siro, per 2-0. Nonostante le pesanti assenze in attacco, la squadra ha saputo conquistare i tre punti, confermando il quarto posto in attesa della gara Lazio-Milan di domani sera.
“Chiaro che dobbiamo cercare di motivarci e rimanere attaccati alle nostre ambizioni”, ha spiegato il tecnico interista. “Abbiamo messo grande ritmo in campo, contro un avversario certamente non facile. Potevamo concedere qualcosa di meno, ma sono contento della prestazione. L’immagine negli spogliatoi sulla Champions? Tutte le settimane cerchiamo di avere obiettivi e spunti per rendere il nostro lavoro più stimolante, positivo, sappiamo che lavoro dobbiamo fare, dobbiamo dare il massimo da qui alla fine, dando il massimo potremmo essere una squadra competitiva”.
Domani, come detto, c’è Lazio-Milan. I rossoneri, con una vittoria, “consegnerebbero” il quarto posto in solitaria ai nerazzurri. Ma Pioli spiega di non poter di certo tifare per i cugini: “Tifo solo Inter, molto molto forte”.

I singoli

Pioli si concentra poi su Gagliardini, anche oggi autore di una prestazione più che positiva. “Ha tutte le potenzialità per diventare un leader, ma a me interessa soprattutto che la squadra diventi leader di sé stessa”, spiega. Palacio invece è uscito dal campo molto arrabbiato: “Era deluso perché poteva fare meglio. Mi piace questo modo di pensare, anche perché per un attaccante è normale dover ricevere qualche pallone in più. Abbiamo dimostrato di non essere Icardi dipendenti: lui è un grandissimo giocatore e non vedo l’ora di riaverlo in campo, ma ha alle spalle una rosa di giocatori altrettanto grandi”.

Ultima battuta sulla gara contro la Juventus. Per Pioli: “Era già alle spalle da lunedì scorso”.