Crollo Leicester: la rabbia di Ranieri e il tradimento dei calciatori

Crollo Leicester: la rabbia di Ranieri e il tradimento dei calciatori

Ranieri Leicester – Ennesimo KO per le Volpi di Ranieri che però non sembra a rischio nonostante la classifica.

Ancora un KO per il Leicester di Claudio Ranieri che questa volta crolla per 2-0 in casa dello Swansea certificando una volta per tutte una crisi che ha del clamoroso. Quinta sconfitta consecutiva per le Foxes campioni d’Inghilterra in carica e ora ad un solo punto di margine sulla zona retrocessione. Una classifica cortissima ed impronosticabile solo una manciata di mesi fa che vede il Leicester un diciassettesima piazza con 21 punti, davanti ad Hull, Palace e Sunderland, con le ultime due a quota 19. Una salvezza che a questo punto diventa ancor di più l’obiettivo primario per non vanificare quanto di straordinario fatto lo scorso anno con la vittoria della Premier. La panchina di Ranieri non sembra comunque a rischio nonostante i risultati negativi, a confermarlo è la stessa dirigenza del Leicester.

Questione di lealtà

Intanto lo stesso Ranieri ha commentato proprio l’ennesimo KO del suo Leicester.

Non è possibile continuare su questa strada. Quando raggiungi risultati come quelli della scorsa stagione, cerchi sempre di dare loro una, due o tre occasioni quando sbagliano, ma forse adesso stiamo esagerando. Forse sono stato troppo buono e leale con loro. Ogni volta che parlo con i giocatori vedo sempre la voglia di cambiare davvero la situazione. Quest’anno però sembra andare tutto storto. Anche oggi, i primi due tiri in porta dello Swansea sono entrati in porta, è incredibile. Abbiamo due problemi principali: concediamo troppi gol e ne segniamo pochi. Dobbiamo parlare insieme per trovare al più presto una soluzione.”

Sotto a chi tocca

Ranieri ha quindi concluso parlando dei prossimi impegni ravvicinati della squadra, che sarà impegnata anche nelle coppe.

È vero, adesso abbiamo di fronte a noi due partite, una di FA Cup e una valida per la Champions League, ma la nostra testa è sulla Premier League. Non sarà un periodo semplice ma vogliamo dare il via a “una nuova stagione“, aumentando gli sforzi per ottenere così il massimo risultato.