Rizzoli commenta gli episodi dubbi di Juventus-Inter

Rizzoli commenta gli episodi dubbi di Juventus-Inter

Rizzoli Juventus Inter – Le polemiche sull’arbitraggio di Rizzoli durante Juventus-Inter non si placano. Ed è lo stesso fischietto italiano a commentare gli episodi contestati a “Le Iene”.

Dopo una settimana continuano le polemiche per l’arbitraggio di Nicola Rizzoli durante Juventus-Inter. Il direttore di gara italiano è intervenuto al programma televisivo “Le Iene” dove ha commentato gli episodi dubbi, in particolar modo il retropassaggio di Chiellini a Buffon intercettato da Icardi. Ecco l’analisi di Rizzoli:

“La palla viene data a Chiellini, la mette a posto con il piede e la passa al portiere per farla battere, ma, a parte che la palla non è mai stata ferma quindi non si è mai ripreso il gioco correttamente, credo che in questo caso Rizzoli abbia ritenuto la palla non battuta in maniera corretta e quindi ha fatto riprendere da posizione idonea. La palla deve essere ferma quando devi riprendere quindi credo che in quel caso Rizzoli abbia notato che la palla non era ferma. Ma mi sembra che abbia fischiato due volte. Se va avanti, la ribatte ancora e la riferma di nuovo, gliela fa ribattere nuovamente quando la palla è finalmente ferma. Vede che anche qua ancora la palla non era ferma, Rizzoli ha fischiato di nuovo un’altra volta, gliela fa di nuovo mettere nella posizione. La palla è ferma e la batte. Ma di cosa stiamo parlando? Io non valuterei Rizzoli in base a un episodio del genere. Per essere lanciato a rete bisogna che l’azione sia in gioco. Parliamo di niente, credo, poi se volete valutare Rizzoli da questa immagine, fatelo. Questo fa parte delle cose normali del calcio italiano”.

In chiusura dell’intervista de “Le Iene” lo stesso Rizzoli ha affermato in maniera netta e decisa dell’inesistenza della sudditanza psicologica nei confronti della Juventus:

“Mi sembra di averlo dimostrato. Si è parlato a inizio campionato di un errore contro la Juventus che avrei fatto io quando giocava contro il Milan, quindi…In Italia tutti siamo allenatori, tutti siamo calciatori, tutti siamo arbitri. Il problema è che quando uno prende una decisione, in Italia la decisione è criticabile“.

https://www.youtube.com/watch?v=kCmpU9-r-3M