Zidane non si fida del Napoli e “sfida” Maradona

Zidane non si fida del Napoli e “sfida” Maradona

Zidane Napoli Maradona – Il tecnico del Real Madrid in conferenza punzecchia El Pibe de Oro.

La partita che tutti i tifosi del Napoli attendono avverrà domani: il primo confronto con il Real Madrid, nel teatro del Santiago Bernabeu, può valere un pezzo di Champions League per i partenopei. L’avversario ovviamente è più che ostico: i blancos, Campioni d’Europa in carica e padroni della Liga, rappresentano un ostacolo molto difficile da aggirare. Nonostante la forza della sua squadra, Zinedine Zidane dimostra però di rispettare il Napoli e il suo allenatore, fautori di due stagioni di altissimo profilo negli ultimi anni.
“Sarà importante cercare di non subire gol”, spiega il francese, “A dispetto di quello che si dice, questa è una sfida in cui entrambe le squadre hanno il 50% di possibilità. Giochiamo la prima in casa ma sappiamo che il Napoli può metterci in difficoltà: dovremo farci trovare pronti e concentrati. Ci saranno sicuramente anche momenti in cui soffriremo il nostro avversario, ma dovremo ridurli al minimo”.

Da Sarri a Maradona

Non mancano, come detto, i complimenti al tecnico azzurro: “Sarri sta facendo molto bene, la sua squadra gioca in maniera ottima e i risultati ottenuti lo testimoniano”.

Zidane non risparmia nemmeno una stoccata a Diego Armando Maradona: El Pibe de Oro accompagnerà il Napoli nella gara del Bernabeu. Nonostante la presenza ingombrante a livello di carisma, Zidane dimostra di non preoccuparsi molto dell’argentino: “Con tutto il rispetto che ho per Maradona, che a 14 anni guardavo giocare a calcio e che è stato uno dei migliori – se non il migliore – di sempre, devo temere molto di più i giocatori che domani scenderanno in campo”. Una partita come questa potrebbe persino essere considerata una finale in anticipo. Zidane però non la pensa così: “La finale è quella di Cardiff, abbiamo due partite da giocare contro un avversario bravo e che propone un bel gioco. E’ una gara molto importante, ma null’altro”.