SHARE
Lionel Messi, Atletico Madrid-Barcellona Coppa del Re - Fonte: Barcelona Twitter
Lionel Messi, Atletico Madrid-Barcellona Coppa del Re - Fonte: Barcelona Twitter

Psg Barcellona Messi – Il record negativo del fuoriclasse argentino

Il 4 a 0 maturato al Parco dei Principi ha tutti i connotati della disfatta per il Barcellona di Lionel Messi, travolto dalla furia del Psg e oramai ad un passo dalla clamorosa eliminazione. In Spagna si parla di fine di un ciclo e lo stesso Luis Enrique, intervenuto in conferenza stampa al termine del match, non ha usato mezzi termini per analizzare la clamorosa debacle: “E’ stata una notte nefasta e la responsabilità è solamente mia. Il risultato è giusto e riflette quanto si è visto in campo”. E sul campo si è visto di fatto solamente il Psg, padrone della contesa dall’inizio alla fine. I francesi, infatti, avrebbero potuto vincere con un passivo ancor più largo se avessero concretizzato al meglio le tantissime occasioni create.

MESSI AL BUIO

Il naufragio del Barcellona ha coinvolto tutti, perfino Leo Messi, protagonista di una delle sue peggiori prestazioni di sempre con la maglia della compagine catalana. L’asso argentino ha giocato pochissimi palloni ma la cosa che più sorprende è la voce zero nella tabella dei tiri verso la porta di Trapp. Un inedito incredibile sottolineato dall’istituto di statistica Opta che ha analizzato nel dettaglio la prestazione del fuoriclasse argentino. Il dieci  non ha mai tirato in porta, dunque non si è mai reso pericoloso. Ma non è tutto, perché il dato sorprendente è un altro. Nei novanta minuti di gioco (più recupero) , Messi non ha messo mai piede in area di rigore. Non era mai successo prima, almeno quest’anno. L’argentino è stato costretto a svariare su tutto il fronte d’attacco, senza trovare mai la giocata o l’imbucata giusta per i compagni. Una notte da incubo da cancellare in fretta ma nel frattempo i media spagnoli hanno già bollato la catastrofe sportiva come “la peggior sconfitta del Barcellona nel ventunesimo secolo”. Strascichi inevitabili, in attesa della gara di ritorno.

SHARE