SHARE
fonte foto: profilo Twitter Palermo

Lopez Allegri Juventus Palermo – Venerdì sera andrà in scena l’anticipo serale tra Juventus e Palermo. Sarà anche la sfida tra il maestro Allegri e l’allievo Lopez.

La Juventus per tornare a ripartire. Il Palermo ha già fermato il Napoli al San Paolo, ma domani a Torino l’impresa sarà più ardua rispetto a quella di Fuorigrotta. Diego Lopez ritroverà il suo allenatore ai tempi di Cagliari, Massimiliano Allegri, ma in campo la partita sarà complicatissima per i siciliani. Il Palermo è alla ricerca di punti preziosi per centrare una salvezza che sembra sempre più irraggiungibile. L’Empoli, in quart’ultima posizione, si trova distante otto punti dai siciliani: una distanza già enorme. Un risultato positivo, però, potrebbe riportare fiducia in casa Palermo in vista delle prossime partite e dopo la cocente sconfitta al Barbera contro l’Atalanta.

Consiglio di Allegri

In conferenza stampa ha parlato l’allenatore dei rosanero, Diego Lopez, in vista della delicata sfida allo Juventus Stadium. L’ex Cagliari ha svelato anche il motivo per cui è diventato allenatore:  “Contro la Juventus è bello giocare, sono gare importanti ed affascinanti. Dobbiamo fare la nostra partita senza paura. La Juventus si affronta come squadra, non individualmente. Lavorando come reparti. E’ un piacere ritrovare il mister Allegri: parlavamo tanto, è vero che mi aveva detto di diventare allenatore.  Cambio modulo? Abbiamo provato qualcosa di diverso, legato comunque alle nostre caratteristiche. Gli infortuni non mi preoccupano, quelli di Lo Faso, Silva e Pezzella sono tre casi diversi tra di loro. Dobbiamo avere un pensiero unico, anche domani: quello di giocare la palla. Insieme serve migliorare. Dobbiamo muoverci meglio in campo per dettare i passaggi e aprire gli spazi. La velocità della palla fa la differenza. Con l’Atalanta siamo stati sempre in partita, la sconfitta è stata dura da digerire. In classifica non si è mosso nulla. Balogh è un calciatore giovane che sta crescendo. Deve imparare tanto, con l’Atalanta è entrato e ha fatto bene”. 

SHARE