SHARE

Neymar carcere – Il fondo d’investimento che possedeva il cartellino del fuoriclasse brasiliano chiede di incarcerarlo.

Dura invettiva verso l’attaccante del Barcellona Neymar Jr. Il brasiliano, al momento del suo passaggio in blaugrana, è stato annunciato per una cifra inferiore ai 60 milioni di euro. Cifra, secondo le indagini della procura di Madrid, che non corrisponderebbero alla realtà: a farne le spese il fondo brasiliano DIS, proprietario del 40% del cartellino al tempo del trasferimento, che avrebbe incassato dunque una percentuale inferiore al reale valore pagato dai catalani. Il processo prosegue, e la situazione di Neymar sembra quantomeno in bilico.

I nostri clienti vogliono giustizia, non c’entrano i soldi. La giustizia penale è la priorità, il denaro passa in secondo piano. Sono stati ingannati, sono stati vittime di un business fraudolento. La Procura della Repubblica di Spagna, il DIS e la Federazione degli atleti professionisti concordano sul fatto che una delle sanzioni che devono essere applicate al giocatore sia la reclusione. Abbiamo chiesto cinque anni. C’è anche la possibilità di una squalifica professionale, in modo che non possa più esercitare il proprio lavoro di calciatore“, queste le dure dichiarazioni dell’avvocato del fondo d’investimento brasiliano ai microfoni di UOL Esportes.

SHARE