Tifosi del Gremio contro Ronaldinho: “Sei un farabutto”

Dario Marotta
22/02/2017

Tifosi del Gremio contro Ronaldinho: “Sei un farabutto”

Ronaldinho Gremio – I tifosi dicono no alla partita d’addio

Nemico in casa. Ronaldinho ha lasciato un buon ricordo di sé praticante ovunque, tranne al Gremio, la società che di fatto lo ha lanciato nel grande calcio. L’ex pallone d’oro, dopo aver annunciato il suo ritiro dal calcio giocato, è stato nominato ambasciatore del Barcellona e durante un tour promozionale negli stati uniti, ha affermato di voler organizzare una partita d’addio con tutti i  club con cui ha giocato. Un’idea che non è piaciuta affatto ai suoi vecchi tifosi del Gremio che hanno subito fatto capire di voler boicottare l’iniziativa

VECCHIE RUGGINI

I problemi tra Ronaldinho e i tifosi del Gremio nascono nel 2001, quando il “Gaucho” decide di trasferirsi al Psg, senza l’approvazione della società di appartenenza. Una vicenda condizionata da strascichi processuali, fino al riconoscimento di un indennizzo pari a sei miliardi e mezzo di lire da riconoscere al club brasiliano. All’addio poco elegante si è aggiunto poi, nel 2011, il passaggio al Flamengo, società storicamente rivale del Gremio che, nonostante i problemi del passato, aveva provato a riacquistare il vecchio talento, incassando un clamoroso no.

L’INIZIATIVA

I tifosi del Gremio hanno risposto in massa ad un sondaggio lanciato su twitter, per chiedere se Ronaldinho fosse degno di indossare la vecchia maglia per la partita d’addio. Tre le risposte a disposizione: “Sì”, “No”, “Non voglio quel farabutto“. L’ultima opzione ha ottenuto un consenso del 44% mentre un altro 33% si è limitato al “no”. Il restante 23% ha deciso di perdonare Ronaldinho ma la bocciatura è praticamente unanime. Porta sbattuta in faccia all’ex padrone di casa.