Ferrari, le prime parole di un Vettel scatenato: “Ho due palle, ma non servono a fare previsioni”

Ferrari, le prime parole di un Vettel scatenato: “Ho due palle, ma non servono a fare previsioni”

Ferrari Vettel – Al termine della terza giornata di test di Formula 1 a Barcellona, Sebastian Vettel è stato autorizzato dalla Ferrari a parlare con i giornalisti.

Un Sebastian Vettel così non lo si vedeva da tempo. Il 4 volte campione del mondo di Formula 1 è apparso raggiante davanti ai microfoni dei giornalisti che lo incalzavano per avere le prime impressioni dopo tre intense giornate di test. Il pilota della Ferrari non si è sbilanciato in quanto a previsioni, ma sembra aver ritrovato la verve di un tempo.

Non ho la palla di cristallo. Ho altre due palle, ma non servono a fare previsioni. Sono stati tre giorni buoni. Sarebbero potuti andare anche meglio, ma abbiamo percorso un numero decente di giri. La macchina mi sembra migliore dell’anno passato, ma penso che sia quello che dicono tutti. Voi guardate i tempi sul giro, ma è molto più importante ciò che accade nel corso della giornata, e che è difficile da leggere. Per questo non ho prestato troppa attenzione a ciò che stanno facendo gli altri.

INVERNO TRANQUILLO

Vettel ha chiuso al secondo posto nel day 1 e nel day 3 dei test di Barcellona, mentre nel day 2 il compagno di box Kimi Raikkonen è riuscito a guardare tutti dall’alto. Prestazioni di alto livello che hanno iniziato a far sognare i tifosi della Ferrari, a cominciare dal presidente Marchionne. Vettel ha confermato che il 2016 difficile è ormai alle spalle, ma ha sottolineato anche che il lavoro da svolgere è ancora tanto.

Abbiamo passato un inverno tranquillo, in cui abbiamo cercato di concentrarci su quello che conta davvero ed è lo stesso anche qui: cerchiamo di fare il nostro lavoro. Tutti stanno spingendo come dei pazzi perché di cose da fare ce ne sono tante, la lista è lunghissima.

C’è grande attesa per la stagione 2017 di Formula 1, soprattutto dopo il cambio di regolamento e l’introduzione di nuove specifiche tecniche che hanno reso le vetture più veloci ma anche più “scorbutiche”. Vettel sembra accogliere con entusiasmo il nuovo regolamento e sembra divertirsi alla guida della sua nuova SF70-H.

Dal punto di vista del pilota, la SF70H è migliorata ovunque. La frenata è migliore, in curva è migliore, c’è più aderenza. Poi nelle curve lente, dove l’effetto del carico aerodinamico si riduce, la maggior aderenza arriva dalle gomme. Le nuove regole hanno funzionato più o meno come un’aspirina: hanno curato tutto. È finanche difficile confrontarla con la macchina dell’anno scorso: è un animale diverso, una bestia diversa