SHARE
FOTO: Twitter @chelseafc

Si è giocato il sentitissimo match Chelsea-Manchester United per i quarti di finale di FA Cup. La gara, da anni una delle più importanti del calcio inglese in ogni sua competizione.

La squadra di Antonio Conte, da mesi saldamente al comando della Premier League, si è presentata sul terreno di gioco dello Stamford Bridge con il miglior undici titolare possibile. La solida difesa a tre a guarda della porta di Courtois ha visto impegnati Azpilicueta, David Luiz e Cahill, protetti dalla mediana composta da Kante (match winner) e Matic. Sulle fasce spazio alla velocità di Victor Moses e dell’ex Fiorentina, Mikel Alonso. In avanti il roccioso Diego Costa ha avuto a sostegno i funambolici Willian e Hazard, per un 3-4-3 solido ed efficace.

Josè Mourinho ha risposto con un modulo speculare con De Gea, poi Jones, Smalling e Rojo nel terzetto difensivo, Herrera e Pogba ad alternarsi negli inserimenti ed a tenere le redini del centrocampo e Valencia e Darmian sulle fasce. In attacco Mkhitaryan, Rashford e Young hanno provato senza successo a non far rimpiangere le pesanti assenze di Ibrahimovic (squalificato) e degli infortunati Martial e Rooney. Fuori causa anche il portoghese Pereira.

FOTO: Twitter @chelseafc

IL MATCH

Dopo i primi 10′ di studio è il Manchester United a rompere gli indugi, con Rashford che libera Mkhitaryan, impreciso però nella conclusione. Il Chelsea risponde con Hazard che salta un avversario e spara verso De Gea, determinato nel respingere la conclusione del belga e nel dire di no sul successivo calcio d’angolo a Cahill. E’ una gara però più di quantità che di qualità, eccettuando qualche spunto del singolo. E presto si svolta con un doppio giallo ai danni di Ander Herrera, per una doppia espulsione comminata al 35′. Mourinho non la prende bene e la partita cambia da qui in avanti, con Mkhitaryan fuori anzitempo per dare spazio a Fellaini, più bravo a fornire copertura. Intanto al 40′ Mou e Conte si lasciano andare ad un poco elegante scambio di battute per un episodio avvenuto in campo.

La ripresa inizia con il gol del Chelsea: Kante segna dopo aver calciato al limite dell’area: conclusione non violenta ma estremamente precisa, imprendibile per De Gea. A questo punto i londinesi si ritraggono, pronti a partire in contropiede con i propri velocisti: è ciò che accade al 60′, quando Matic lancia Willian davanti alla porta, ma il brasiliano è impreciso. Il Chelsea ne guadagna un corner sul quale Diego Costa sfiora il 2-0 di testa. I Red Devils non riescono più a reagire ed il secondo tempo è dominato dal Chelsea, vicino al raddoppio in almeno altre tre circostanze. Nel finale cambi per entrami gli allenatori: Fabregas entra per un esausto Willian, Mourinho inserisce il giovane Lingard per un evanescente Young.

Alla fine il risultato non cambia ed il Chelsea avanza.

 

CHELSEA-MANCHESTER UNITED 1-o TABELLINO

CHELSEA (3-4-3): Courtois; Azpilicueta, David Luiz, Cahill; Moses (89′ Zouma), Kante, Matic, Alonso; Willian (81′ Fabregas), Diego Costa (94′ Batshuayi), Hazard.
A disp.: Begovic, Terry, Zouma, Chalobah, Pedro
All. Conte.

MANCHESTER UNITED (3-4-3): De Gea; Jones, Smalling, Rojo; Valencia, Herrera, Pogba, Darmin; Mkhitaryan (37′ Fellaini), Rashford, A. Young (81′ Lingard).
A disp.: Romero, Blind, Bailly, Carrick, Mata
All. Mourinho.

MARCATORI: 51′ Kante
AMMONITI: Diego Cosa (C), Herrera x2, A. Young (M)

 

SHARE