SHARE
Roberto Mancini, Presentazione Panini - Fonte: Roberto Mancini Twitter
Roberto Mancini, Presentazione Panini - Fonte: Roberto Mancini Twitter

Mancini Inter Serie A – L’ex tecnico si toglie qualche sassolino dalle scarpe e ammette: “In futuro farei volentieri il CT dell’Italia”.

Dall’allenare le stelle al ballarci sotto, seppur per una serata. Roberto Mancini sembra non volerne sapere di tornare sul manto verde di gioco – almeno nell’immediato -, l’ex tecnico dell’Inter non rimane però lontano dalla sfera di influenza calcistica, sua “stella cometa”. Quest’oggi a Roma, proprio lo jesino ha presenziato all’iniziativa benefica delle Figurine Panini a favore dell’Unicef e, tra una maxifigurina regalata e l’altra, il “Mancio” non si è esentato dal parlare del suo addio ai nerazzurri: “Mi è dispiaciuto aver perso un anno e mezzo di lavoro faticosissimo – spiega l’allenatore classe 1964 – Fossi rimasto, mancava poco per poter duellare ad armi pari contro la Juventus”. 

Parole non gettate al vento così come capita, anche perchè lui, quando parla di Inter, sembra farlo snocciolando il rosario dei segreti meneghini. Ma su una nuova avventura nella Capitale si affretta a rispondere: “Non esiste nulla con la Roma. Al momento non c’è niente di concreto. Non so quale sarà il mio futuro. A volte gli allenatori vanno dove meno se lo aspettano – anche se dove non andare sembra esser invece chiaro – Con le Foxes io ci ho anche giocato e sono un tifoso, ma da qui a dire che le allenerò ce ne passa. Non ho mai avuto nessun tipo di contatto con i dirigenti. Poi, se i progetti sono importanti e validi. La Cina invece è un po’ lontana in questo momento”.

La nuova prospettiva potrebbe infatti essere un ritorno di fiamma o un fulmine a ciel sereno, come tiene a specificare Mancini: “Mi piacerebbe allenare all’estero e la Nazionale, farei volentieri il CT. Poi ora l’Italia è piena di giovani davvero interessanti: penso a Rugani, a Chiesa, a Bernardeschi e Berardi. Entro quattro anni avremo una grande nazionale, forse anche prima”.

Stefano Mastini