SHARE
Davide Massa arbitro
Fonte: Twitter @AiaCastello

Massa minacce Juventus-Milan – L’arbitro di Juve-Milan ha ricevuto minacce per posta e telefonicamente. Aperta un’inchiesta

Quando gli allenatori dicono che le partite non durano solo 90 minuti non è a questo che si riferiscono. Davide Massa, fischietto internazionale e uno dei punti fermi della classe arbitrale italiana, ha ricevuto delle minacce da ignoti. Ovviamente l’arbitro ha subito chiamato le forze dell’ordine a cui ha esporto denuncia.

Il fischietto di Juventus-Milan era stato pesantemente criticato e accusato di malafede da buona parte del tifo milanista e da molti sportivi in generale, secondo i quali il fischietto di Imperia avrebbe favorito la Juventus in maniera clamorosa con un rigore dubbio al 94′. Ma quelle che in un primo momento sembravano le classiche chiacchiere da bar, ora non lo sono più. Nella sua residenza ad Imperia Massa ha ricevuto prima una chiamata dai toni molto minacciosi e forti, come ammesso dallo stesso arbitro alla Digos, poi una lettera minatoria dopo breve tempo. Subito grande allarmismo e spavento per una vicenda che ha smosso la polizia, alle prese con un anonimo da rintracciare.

Passi avanti

La Procura di Imperia ha dunque aperto le indagini, non escludendo tra l’altro l’ipotesi di affiancare a Massa una scorta personale fin quando non sarà trovato il responsabile. Le accuse pesanti erano giunte all’arbitro anche sui social ( ‘ma se ti spezzo le gambe dai rigore alla Juve’). Al lavoro per tanto si sono messi anche gli agenti della Polizia postale. Tuttavia gli agenti sarebbe sulle tracce del mittente delle telefonate, avendo già recuperato i tabulati telefonici ed essendo in possesso del numero da cui è partita la chiamata, nonché la cella. Anche la lettera scritta al computer, a detta della Digos, potrebbe essere molto utile allo sviluppo delle indagini. Non certo un episodio da ricordare per l’arbitro Massa, che dopo la partita tra Juventus e Milan era già finito nell’occhio del ciclone.

 

di Riccardo Belardinelli

SHARE