SHARE
coutinho gol merseyside derby
Il gol di Coutinho - Fonte Twitter @premierleague

Termina con un secco 3-1 il Merseyside derby tra Liverpool-Everton. Vittoria meritata per la squadra di Klopp, avanti per tutto il match. Non un pomeriggio da ricordare per i Toffees, che cadono sotto i colpi del tridente dei Reds.

Liverpool-Everton 3-1: il tabellino e le pagelle del Merseyside derby

Liverpool-Everton, nonostante le tante defezioni e i diversi infortuni, non tradisce le enormi attese. Il Merseyside derby si accende dopo poco meno di 10 minuti, grazie al solito Mane. Azione personale del senegalese, che taglia il campo da destra verso sinistra, bevendosi mezza difesa Everton. Sinistro sul palo lungo, che coglie Robles nettamente fuori posizione. Sono assolutamente i Reds a prendere le redini del match, mostrando a tratti anche un ottimo calcio. I Toffees restano attaccati al match con voglia ed agonismo, ma sembrano un pizzico dietro rispetto agli eterni rivali.

A sorpresa, intorno alla mezz’ora, l’Everton trova il gol del pari. Un sogno per Pennington, che segna così nel derby il primo gol della sua carriera. Il pari ospite però dura pochissimi minuti, perché il Liverpool torna immediatamente in vantaggio. Coutinho affonda nella rattoppata difesa di Koeman, e con il suo splendido destro a giro riporta i Reds in vantaggio.

Cassaforte Reds, festa Liverpool

Tanti colpi, più o meno legali, e tanto agonismo animano l’inizio della ripresa. Ritmi sempre molto elevati, anche se latitano grosse occasioni da gol. Al 60’ il Liverpool mette in cassaforte il match. Dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo, il belga Origi spacca la porta di Robles, portando i suoi sul 3-1.

È di fatto l’episodio che chiude definitivamente la contesa in campo. Una sola occasione con Holgate per l’Everton, che si arrende con il passare dei minuti. Vittoria più che meritata per il Liverpool che, dopo quello d’andata, vince il secondo derby della stagione e si candida ad un finale di campionato ad alto livello.

Il tabellino

Liverpool-Everton 3-1

LIVERPOOL (4-3-3): Mignolet; Clyne, Matip, Lovren, Milner; Can, Leiva, Wijnaldum; Mane (dal 56’) Origi, Firmino (dal 90’) Klavan, Coutinho (dal 74’) Alexander-Arnold. All.: Jurgen Klopp.

EVERTON (3-4-3): Robles; ; Pennington (dal 67’) Barry, Williams, Jagielka; Holgate Davies (dal 66’) Valencia, Gueye, Baines; Barkley, Calvert-Lewin, Lukaku. All.: Ronald Koeman.

Reti: 8’ Mane (L), 28’ Pennington (E), 31’ Coutinho (L), 60’ Origi (L)

Ammoniti: Davies (E), Barkley (E), Williams (E), Emre Can (L)

Le pagelle

LIVERPOOL

Mignolet 6.5: Non tanti interventi per lui oggi ma è decisivo quello su Holgate nella ripresa. Tagliato fuori dalla deviazione, da terra riesce a spingere fuori il pallone con la punta delle dita.

Clyne 6: Tiene bene la posizione, diagonali precise e pochissime sbavature.

Matip 6.5: Solido e attento, cure speciali per Calvert-Lewin, che gira alla larga dell’area di rigore.

Lovren 7: Se Lukaku, migliore giocatore di marzo e capocannoniere della Premier, non ha toccato un solo pallone il merito è tutto del gigante croato. Sempre puntuale, non sbaglia niente.

Milner 5.5: Il capitano del Liverpool sbaglia qualche passaggio di troppo nel primo tempo, ed è costretto quasi sempre ad arretrare la sua posizione per l’intraprendenza di Holgate.

Can 6: Già dopo pochissimi minuti ingaggia un duello con Barkley, senza risparmio di colpi. Tiene bene la posizione e aiuta la difesa nell’equilibrio in campo.

Leiva 6.5: Chiamato a sostituire una colonna come Henderson, il brasiliano sfoggia tutta la sua esperienza e garantisce una prestazione di ottimo livello.

Wijnaldum 6: Si vede poco l’estroso olandese, non ha il solito impatto fisico che riesce a imprimere nelle sue prestazioni.

Mane 6.5: La scintilla che fa subito accendere la partita. Per il gioco di Klopp è l’uomo ideale con le sue sgasate da una parte e dall’altra del campo. Preoccupazione per un possibile infortunio per lui. (dal 57’) Origi 6.5: Entra e al primo pallone toccato chiude il match, siglando il 3-1.

Firmino 6: Dei tre davanti forse quello che offre la prestazione di tono minore. Soliti ottimi movimenti spalle alla porta, senza trovare però l’acuto decisivo. (dal 90’) Klavan

Coutinho 7.5: Riportato a casa dal Brasile direttamente con un jet privato, il fuoriclasse di Rio firma un derby da migliore in campo. Spazia su tutto il fronte d’attacco, creando occasioni, calciando in porta e servendo ottime palle per i compagni. Quasi non fa più notizia lo splendido destro a giro con il quale firma il momentaneo 2-1. (dal 74’) Alexander-Arnold

EVERTON

Robles 5: Non perfetto questo pomeriggio il portiere spagnolo. Male il posizionamento sia nel gol di Mane che di Origi.

Pennigton 6.5: Primo gol da professionista nel derby, sotto la Kop, per il ragazzo cresciuto nell’Everton dall’età di 11 anni. Da rivedere invece la fase difensiva, ma con Coutinho c’è poco da fare. Per lui resta una giornata da ricordare. (dal 67’) Barry s.v.

Williams 4.5: Pomeriggio da incubo per il difensore gallese. Sbaglia molte volte la posizione e i tempi di chiusura. Grosse responsabilità su terzo gol di Origi e ancora tanti altri piccoli errori.

Jagielka 6: Il capitano è l’unico a tenere botta nella difesa dei Toffees, vittima di troppi infortuni per restare in piedi contro l’attaccato dei Reds.

Holgate 6.5: A sorpresa, il 20enne britannico sfodera una prestazione da incorniciare. Sfreccia sulla fascia destra da una parte e dall’altra del campo. Tanta fisicità e buona tecnica per il ragazzo cresciuto nelle giovanili del Barnsley.

Davies 5: Tra i tanti giovani lanciati oggi da Koeman, forse quello che trova la prestazione peggiore. Troppo timido nella zona calda del campo, va a sbattere contro la fisicità della mediana dei Reds. (dal 66’) Valencia s.v

Gueye 6: Lavoro oscuro per il senegalese, che riesce a tenere in piedi il centrocampo dell’Everton più di un’occasione. Tra i migliori dei suoi.

Baines 6: Prova a rendersi pericoloso con il suo mancino, specie su qualche calcio piazzato, ma molti compagni non sono in giornata.

Barkley 5.5: Uno come lui sente terribilmente una partita del genere. Non riesce però a trasformare questi sentimenti in energia positiva, anzi paga anche un pizzico di nervosismo.

Calvert-Lewin 5: Poco o niente oggi per il giovanissimo attaccante inglese. Non riesce quasi mai ad entrare in area di rigore.

Lukaku 5: Insufficienza grave per il gigante belga. Nel momento migliore della sua stagione, fallisce l’appuntamento più importante, schiacciato dalla difesa del Liverpool.