SHARE
Fiorentina-Milan, Gianluigi Donnarumma - Serie A 2016/17
Gianluigi Donnarumma

Papera Donnarumma Topolino – Alla fine è arrivato: il primo, clamoroso errore della breve carriera di Gigio Donnarumma. A circa un anno e mezzo dall’esordio in Serie A, il ragazzo prodigio del Milan è incappato nella prima vera e propria papera con la maglia rossonera. Pescara-Milan, minuto 12: il capitano milanista di giornata, Gabriel Paletta, si impappina su un pallone calciato in avanti alla “viva il parroco” dagli abruzzesi e, sulla pressione di Caprari, opta per un retropassaggio verso Donnarumma, che in questo anno e mezzo ha dimostrato di saper gestire la palla anche coi piedi. Ma il minuto 12 di Pescara-Milan passerà alla storia per il liscio del numero 99 del Milan ed il conseguente vantaggio della squadra di Zeman in una partita che la compagine di Montella non poteva e non doveva sbagliare per non perdere terreno nella corsa all’Europa. Con qualche scusante, certo, a cominciare dalla dubbia qualità della gestione di un pallone banale prima e  del retropassaggio poi da parte di Paletta. Ma pur sempre un errore che passerà alla storia.

via GIPHY

Donnarumma e una papera forse decisiva

La prima topica in Serie A di Donnarumma potrebbe risultare decisiva tra qualche settimana, quando i rossoneri dovranno fare i conti con la classifica e scoprire se l’esilio dall’Europa sarà terminato o meno. In un campionato sui generis come la Serie A 2016-2017, per centrare l’obiettivo europeo è fondamentale fare bottino pieno contro le cosiddette squadre che “non hanno più nulla da chiedere”. Il Pescara con più di un piede in Serie B fa sicuramente parte della categoria “partite da non sbagliare”, per questo il misero punticino con cui il Milan è uscito dall’Adriatico ha l’aspetto di una sconfitta. Pescara e Palermo, il viatico verso il derby – probabilmente – decisivo per le sorti della stagione, necessitavano di prove convincenti e soprattutto dei tre punti, ma al primo step il Milan è stato tradito dall’uomo che in questo momento rappresenta il filo conduttore tra un passato glorioso, un presente fatto di sofferenze e un futuro pieno di incognite. Gigio Donnarumma è ora al primo vero bivio della sua promettente carriera, ma a giudicare dagli interventi decisivi e dalla totale sicurezza nel gestire altri palloni coi piedi nell’arco dei restanti 78 minuti più recupero suona già come una risposta chiara e netta ai più dubbiosi.

Donnarumma Topolino
Fonte: Twitter @Corriere

La pofezia di Topolino

La sensazione è che il primo grave errore di Donnarumma fosse nell’aria e, in un certo senso, atteso da molti. L’attenzione mediatica durante la pausa per gli impegni con le nazionali – con qualche strano commento circa le sue abilità paragonate a quelle di altri giovani portieri azzurri – è stata parzialmente oscurata dall’esaltazione per il debutto da titolare concessogli dal c.t Ventura, ma ha comunque lasciato quella sensazione di “preludio” all’errore che, puntualmente, si è concretizzato nell’amaro pomeriggio di Pescara. A far sorridere più di ogni altra cosa è però la “profezia” – che in rete è già stata eletta la gufata dell’anno – compiuta da Topolino, che la prossima settimana sarà in edicola con un numero speciale dedicato proprio al portierone rossonero, con tanto di intervista esclusiva a quello che è già l’idolo di tanti bambini. Ebbene, all’alter ego di Donnarumma è stato dato il nome di Paperumma, decisamente infelice trattandosi di un portiere. Milioni di tifosi rossoneri in queste ore si domanderanno se il loro beniamino si sia forse calato un po’ troppo nei panni del suo personaggio. Super Gigio, per non sbagliare, ha risposto immediatamente sul campo mostrando quella freddezza che nei giorni scorsi, forse un po’ ingenerosamente, in molti hanno indicato come unico distinguo rispetto a colleghi che, oggettivamente, in questo momento non avvicinano il suo livello.